fbpx

La cannabis medica illustrata

Il 18 febbraio 2020, il Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF (FLWR) è stato quotato sulla Borsa di Londra. FLWR mira ad investire in aziende coinvolte nei settori della cannabis medica globale e delle scienze della vita legate alla cannabis, con particolare attenzione alle aziende dei settori biotecnologia/farmaceutica e canapa e cannabidiolo (CBD).

Stiamo appena cominciando a capire la piena potenza della cannabis, nonostante sia in circolazione da migliaia di anni. Ora abbiamo conferme che la cannabis può migliorare i sintomi e curare alcune malattie. Sappiamo che aiuta il sonno, l’ansia, il dolore e l’appetito. Abbiamo visto il suo impatto sulla vita delle persone, come può davvero cambiare, e a volte salvare, la vita. Le storie di genitori che si spingono fino al “contrabbando” di cannabis nei loro paesi d’origine per curare i loro figli che soffrono di convulsioni croniche hanno toccato i nostri cuori e hanno messo sotto pressione i politici perché agissero. Eppure, nonostante dati schiaccianti, la pianta di cannabis rimane ancora sottovalutata. Rimane stigmatizzata e incompresa, soprattutto dai regolatori e dai medici. In questo pezzo, esaminiamo la cannabis attraverso una lente medica, esplorando le proprietà della pianta e le sue varie applicazioni in medicina.

Cos’è la cannabis?

La cannabis proviene da tre diverse specie di cannabis selvatica: sativa, indica e ruderalis.[1] Tutte le specie mostrano caratteristiche uniche. Sativa è alta, tra i 4 e i 15 piedi, con lunghi rami e foglie sottili e appuntite. Indica, invece, è più piccola, tra 1 e 4 piedi, con foglie più larghe e arrotondate. Ruderalis è corta, tra 1 e 2 piedi, e ha molti meno rami di entrambi gli esemplari sativa o indica. La Ruderalis fiorisce naturalmente dopo circa 3 o 4 settimane (auto-fioritura), mentre le varietà sativa e indica richiedono un cambio di ore di luce solare per fiorire[2].

Ruderalis è raramente usato in forma pura al giorno d’oggi. Mentre in farmacia, sono le varietà indica e sativa ad essere le più popolari.

La pianta della cannabis

La pianta di cannabis può essere maschio, femmina o entrambe (ermafrodita). La pianta femmina produce il bocciolo (cioè il fiore), mentre la pianta maschio produce il polline. Abbiamo anche imparato che la pianta di cannabis è tutt’altro che neutra dal punto di vista del genere. La femmina ha la capacità unica di cambiare genere. Nei periodi di stress da crescita, in cui la pianta teme per la sua sopravvivenza, ha la capacità di passare allo stato ermafrodito, diventando essenzialmente entrambi i generi come ultima risorsa per impollinare se stessa.

In questo modo, la pianta è in grado di continuare a diffondere i suoi semi. I semi di cannabis regolari sono di solito per circa il 50% femminili, e per il 50% maschili.[3] Al giorno d’oggi sono disponibili semi femminilizzati, il che assicura che ogni pianta coltivata sia femminile, per ridurre al minimo gli sprechi. Infatti, oggi sono disponibili anche “autos” femminizzati, che sono essenzialmente semi femminizzati che fioriscono automaticamente.

La pianta di cannabis attraversa due fasi della vita: la fase “vegetativa” e la fase “di fioritura”. La fase vegetativa è paragonabile all’infanzia della pianta, dove si concentra sull’aumento dell’altezza e della crescita, e dove il genere è in gran parte irrilevante. In questa fase iniziale, di solito è difficile dire quale sia il genere della pianta, o che cosa diventerà. Una volta che la pianta raggiunge circa 4-6 settimane, tuttavia, generalmente inizia a mostrare segni di pre-fiorescenza[4]. Quando la pianta passa successivamente alla fase di fioritura, smette di concentrarsi sulla crescita e sposta invece tutti i suoi sforzi verso la crescita dei fiori in boccio. Come tale, la fase di fioritura è paragonabile alla fase adulta del ciclo di vita della pianta.

Cannabinoidi

Sono le piante femminili che vengono utilizzate per la cannabis medica. Producono i fiori, ricchi di cannabinoidi. I cannabinoidi sono composti chimici naturalmente presenti in natura, biologicamente attivi, estratti dal fiore. I cannabinoidi si trovano anche in altre parti della pianta, come le foglie, il fusto, la radice e i semi, ma in quantità molto piccole. Per esempio, il fiore ha una concentrazione di tetraidrocannabinolo (THC) fino a otto volte maggiore rispetto alle foglie.[5] I cannabinoidi sono in fase di studio per i loro vari benefici medici. Ci sono almeno 113 cannabinoidi conosciuti, e si ritiene che la loro naturale interazione con il sistema endocannabinoide umano possa aiutare a trattare una varietà di sintomi e condizioni[6].

Tetrahydrocannabinol (THC)

Il THC è un cannabinoide attivo nella cannabis. Il THC ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, ma è forse meglio conosciuto per le sue proprietà psicoattive. È il livello di THC che rende illegali alcune preparazioni di cannabis medica in alcuni paesi. Le eccezioni sono nel settore farmaceutico. Oggi, un totale di 48 paesi hanno abbracciato i farmaci che contengono THC, rendendoli disponibili su prescrizione medica o da banco[7]. Per esempio, il Sativex è il primo farmaco al mondo, contenente THC, usato per trattare la spasticità da sclerosi multipla. Si tratta di un farmaco spray orale con un rapporto 1:1 di THC e CBD (cannabidiolo). Nel Regno Unito, il Sativex è stato approvato per la prima volta dalla Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency (MHRA) nel 2010.[8] Il Sativex non è approvato per la distribuzione negli USA.

Cannabidiol (CBD)

Il THC è spesso paragonato alla sua controparte non psicoattiva, il cannabidiolo (CBD). Il CBD è un cannabinoide che ha recentemente acquisito importanza, e che ora stiamo cominciando a capire molto meglio. Le applicazioni mediche del CBD continuano ad essere scoperte. Per esempio, il CBD ha dimostrato di avere proprietà antitumorali e di essere efficace nella gestione dell’epilessia, delle lesioni cerebrali e dei disturbi del dolore.[9] GW Pharmaceuticals, una società biofarmaceutica britannica, nel 2018, è stata la prima azienda ad avere un farmaco a base di CBD, l’Epidiolex, approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti. Epidiolex è usato dai pazienti per il trattamento di crisi epilettiche causate da due forme di epilessia, la sindrome di Lennox-Gastaut e la sindrome di Dravet, che sono condizioni rare ma gravi che di solito compaiono gia nei bambini[10].

Cannabinoids minori

Oltre al THC e al CBD, il fiore della cannabis contiene anche una serie di altri composti cannabinoidi minori, tra cui, ma non solo, cannbigerolo (CBG), cannabicromene (CBC) e cannabinolo (CBN). Il CBG è un cannabinoide non psicoattivo che ha proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e catalizzatrici dell’appetito. Anche il CBC non è psicoattivo ed è stato dimostrato in grado di inibire la crescita dei tumori e di aiutare le cellule staminali cerebrali a rigenerarsi. Infine, il CBN è un cannabinoide leggermente psicoattivo che è stato collegato al miglioramento del sonno, al sollievo dal dolore, all’anti-convulsioni e al recupero osseo post-frattura. CBG, CBC e CBN sono tutti concorrenti nella ricerca medica, nonostante il fatto che compaiano in dosi minori nella pianta di cannabis. [11]

Terpeni e flavonoidi

La pianta di cannabis contiene anche terpeni e flavonoidi. I terpeni sono gli oli aromatici che conferiscono alla cannabis il suo caratteristico odore, e si trovano nei tricomi che ricoprono i germogli di cannabis. Oltre al loro valore medico, hanno anche un valore terapeuticoche funziona in sinergia con i cannabinoidi. I flavonoidi, invece, sono i pigmenti che danno alla cannabis il suo colore. È stato dimostrato che i flavonoidi hanno anche proprietà mediche.

Hemp

La canapa è un ceppo di cannabis sativa, ma senza il THC, spesso vista come la cugina più morbida e gentile. La canapa contiene meno dello 0,30% di THC, ed è quindi legale nella maggior parte dei paesi in linea con il limite di THC dello 0,30%. Nell’UE, questo limite è ancora più basso allo 0,20%[12].

La canapa ha anche una concentrazione molto più alta di CBD. Per questo motivo, è la fonte migliore per estrarre l’olio di CBD. L’olio di CBD si ottiene estraendo il CBD dalla pianta di canapa, per poi diluirlo con un olio di supporto come il cocco o l’oliva. Negli ultimi anni ha guadagnato notorietà per i suoi numerosi benefici per la salute e il benessere, con studi scientifici che ne confermano il valore nel trattamento dell’ansia e del dolore cronico[13].

La canapa ha anche una serie di applicazioni industriali. Viene utilizzata per produrre carta, corda, tessuti, biodiesel, plastiche biodegradabili, biocompositi per l’edilizia e persino alimenti per la salute. I semi di canapa, in particolare, sono stati trovati come integratori alimentari, e sono diventati popolari tra i vegani e i vegetariani.

Negli ultimi tempi, la Cina è emersa come una potenza industriale della canapa. Tuttavia, la Cina non ha ancora scelto ufficialmente di perseguire l’opportunità della cannabis medica e di capitalizzare la crescente domanda di CBD a livello globale. Infatti, IL CBD non è ancora autorizzato al consumo in Cina. La canapa può, tuttavia, essere trasformata in CBD con alcune licenze concesse dallo Stato, e queste licenze sono detenute da meno di cinque aziende locali. A partire dal maggio 2019, due delle 34 regioni della Cina producevano CBD dalla canapa, presumibilmente per l’esportazione nei mercati più maturi degli Stati Uniti e dell’Europa[14].

Conclusione

La cannabis è una delle più antiche droghe del mondo, con prove del suo uso medicinale nell’antico Egitto, in Cina e in Siberia. Nel Regno Unito è stata una medicina fino al 1971, e si ritiene che la regina Vittoria ne facesse un uso regolare per i dolori mestruali e il disagio post-partum. Negli ultimi anni, la cannabis medica ha guadagnato ancora una volta una nuova vita. La comunità scientifica ha ora l’opportunità di investigare il suo pieno potenziale e di dare ai pazienti le opzioni terapeutiche che meritano. 

 

ETF correlato

FLWR: Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF

 

Referenze

  1. The Recovery Village, “Names for Cannabis”, 2019. Available at: https://www.therecoveryvillage.com/marijuana-addiction/names-for-cannabis/#gref
  2. Professor Michael P Barnes, “The Beginner’s Guide to Medical Cannabis”, Pages 137. Designed and Published in 2019 by Berrydales Books. Copyright © 2019
  3. Amsterdam Genetics, “How To Spot: Male, Female and Hermaphrodite Cannabis Plants”, June 2019. Available at: https://www.amsterdamgenetics.com/spot-male-female-hermaphrodite-cannabis/
  4. Production Grower, “Best Flowering Stage Tips for Cannabis”, 2019. Available at: https://productiongrower.com/blogs/how-to-grow-weed/flowering
  5. Professor Michael P Barnes, “The Beginner’s Guide to Medical Cannabis”, Pages 139. Designed and Published in 2019 by Berrydales Books. Copyright © 2019
  6. Curaleaf, “Chemistry of Cannabis”, 2019. Available at: https://www.curaleaf.com/chemistry-of-cannabis/
  7. Professor Michael P Barnes, “The Beginner’s Guide to Medical Cannabis”, Pages 16. Designed and Published in 2019 by Berrydales Books. Copyright © 2019
  8. NHS, “Cannabis-based products for medicinal use”, October 2018. Available at: https://www.england.nhs.uk/wp-content/uploads/2018/10/letter-guidance-on-cannabis-based-products-for-medicinal-use..pdf
  9. Professor Michael P Barnes, “The Beginner’s Guide to Medical Cannabis”, Pages 15. Designed and Published in 2019 by Berrydales Books. Copyright © 2019
  10. FDA, “FDA approves first drug comprised of an active ingredient derived from marijuana to treat rare, severe forms of epilepsy”, June 2018. Available at: https://www.fda.gov/news-events/press-announcements/fda-approves-first-drug-comprised-active-ingredient-derived-marijuana-treat-rare-severe-forms
  11. Professor Michael P Barnes, “The Beginner’s Guide to Medical Cannabis”, Pages 18-20. Designed and Published in 2019 by Berrydales Books. Copyright © 2019
  12. European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction, “Low-THC cannabis products being sold in the EU – key legal issues”, October 2018. Available at: http://www.emcdda.europa.eu/news/2018/low-thc-cannabis-products-being-sold-in-the-EU%E2%80%93key-legal-issues_en
  13. Professor Michael P Barnes, “The Beginner’s Guide to Medical Cannabis”, Pages 145. Designed and Published in 2019 by Berrydales Books. Copyright © 2019
  14. The New York Times, “China Cashes In on the Cannabis Boom”, May 2019. Available at: https://www.nytimes.com/2019/05/04/world/asia/china-cannabis-cbd.html

  • 1
  • 2
  • 3

Select Your Country

United Kingdom
Germany
Italy
Switzerland
Austria
Denmark
Finland
Ireland
Luxembourg
Netherlands
Norway
Spain
Sweden

Select Your Investor Type

======