fbpx

FRANTUMARE I PRECONCETTI: 5 COSE CHE PENSAVI DI SAPERE SULLA CANNABIS MEDICA

La cannabis è diventata uno dei fenomeni socialmente più dirompenti del nostro tempo. Mentre la comunità medica ha mostrato ampie prove a conferma del potenziale terapeutico della pianta, alcune persone e gruppi di persone sembrano incapaci di scuotere l’immagine del proverbiale fattone. Tuttavia, con il sigillo di approvazione della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per il primo farmaco derivato dalla cannabis al mondo, la situazione sta finalmente cambiando. E sta cambiando per il bene. In questo pezzo, guardiamo ai 5 principali preconcetti che sentiamo più frequentemente da parte degli investitori. Guardiamo anche a come crediamo che la cannabis possa essere una forza per il bene, e a come gli investitori abbiano l’opportunità di allineare i loro valori in questo modo.

1) La cannabis medica è una storia solo nordamericana

Non è vero. La cannabis medica è in realtà una storia del Regno Unito. Infatti, la società britannica GW Pharma ha stabilito negli ultimi anni il punto di riferimento per l’industria. Il loro farmaco pionieristico, l’Epidiolex, che oggi è approvato sia dalla FDA che dall’Agenzia Europea per i Medicinali per il trattamento di due rare forme di epilessia infantile (sindrome di Dravet e sindrome di Lennox-Gastaut), è servito a convalidare il caso d’uso medico dei cannabinoidi (nello specifico, Cannabidiolo o CBD). [1] Ha anche portato a un fenomenale rialzo del prezzo delle azioni della società, poiché ha aumentato i ricavi da 16 milioni di dollari nel 2018 a oltre 300 milioni di dollari nel 2019.[2] Questo slancio positivo dell’industria ha suscitato un’ondata di innovazione in tutta la catena del valore farmaceutico. 

2) Dobbiamo essere lontani anni dalla disponibilità di prodotti farmaceutici derivati dalla cannabis.

Per niente. Mentre l’elenco sopra riportato evidenzia i farmaci attualmente in fase di sviluppo, ci sono già farmaci in commercio. C’è naturalmente l’Epidiolex, come detto, ma ce ne sono anche altri come il Marinol e il Syndros per l’anoressia, e il Cesamet per il dolore neuropatico/cronico, tutti che fanno leva su una forma di cannabinoidi o cannabinoidi di origine vegetale o sintetica.

3) La cannabis è una moda. Non è un tema strutturale sostenuto da un vento di coda strutturale.

Assolutamente no. Secondo le ricerche di Reports e Data, il mercato globale della cannabis medica dovrebbe valere 148,35 miliardi di dollari entro il 2026.[3] Riteniamo che questa cifra sia prudente. Non solo perché abbiamo appena scalfito la superficie in termini di potenziale terapeutico dei cannabinoidi come il Cannabidiolo (CBD) e il Tetraidrocannabinolo (THC), ma anche perché c’è ancora molto da capire. Recentemente, abbiamo scoperto cannabinoidi meno conosciuti come il Cannabigerolo (CBG), il Cannabinolo (CBN) e il Cannabicromene (CBC). Per mettere ulteriormente in prospettiva questo aspetto, la pianta di cannabis contiene oltre 100 diversi cannabinoidi.

4) La cannabis può essere una forza per il bene?

Certamente. La cannabis medica offre l’unica soluzione fattibile e scalabile alla crisi globale degli oppioidi. L’uso più comune per gli oppioidi è il dolore cronico, e questo è anche l’uso più comune per la cannabis medica. Secondo il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Stati Uniti, il costo economico totale per l’abuso di oppioidi è stimato in 78,5 miliardi di dollari all’anno. Essi stimano anche che 130 persone muoiono ogni giorno a causa dell’abuso di oppioidi, il 40% dei quali a causa di farmaci a base di oppioidi su prescrizione medica. La cannabis ha il potenziale per portare un cambiamento positivo a queste statistiche.[4]

Altri modi in cui la cannabis può essere una forza per il bene includono la capacità dell’industria di creare posti di lavoro (e anche questo con la diversità e l’inclusione in mente), generare entrate fiscali per gli stati (il Colorado da solo ha generato circa 1 miliardo di dollari di entrate fiscali legate alla cannabis l’anno scorso), così come ridurre i tassi di incarcerazione e la popolazione carceraria.

5) Non c’è modo di ottenere un’esposizione in pura a questo mercato.

Sì, c’è. Gli investitori hanno oggi l’opportunità di partecipare alla crescita della sola opportunità della cannabis medica. Con il nostro ETF, abbiamo costruito un portafoglio di società su misura che incarna al meglio questa serie di opportunità. Si tratta di società che sono pronte a cavalcare il tema globale della cannabis medica. Forse ancora più importante è il modo in cui gli investitori possono allineare i loro valori. Investire nelle aziende della cannabis medica offre agli investitori un modo per sostenere le aziende che lavorano per portare nuovi farmaci derivati dalla cannabis a pazienti che – in molti casi – non hanno alternative valide. Pazienti che attualmente soffrono di malattie per le quali i trattamenti attualmente disponibili sono inefficaci. Per questo motivo, crediamo che investire nella cannabis medica abbia il potenziale per creare un impatto significativo.

 

ETF correlato

FLWR: Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF

 

References:

[1] Motley Fool, “GW Pharmaceuticals Is Picking Up Steam in 2020”, June 2020. Available at: https://www.fool.com/investing/2020/06/05/gw-pharmaceuticals-is-picking-up-steam-in-2020.aspx

[2] Market Beat, “GW Pharmaceuticals”, June 2020. Available at: https://www.marketbeat.com/stocks/NASDAQ/GWPH/

[3] Reports and Data, “Medical Marijuana Market to Reach USD 148.35 Billion by 2026 | Reports and Data”, May 2019. Available at: http://www.globenewswire.com/news-release/2019/05/20/1829108/0/en/Medical-Marijuana-Market-To-Reach-USD-148-35-Billion-By-2026-Reports-And-Data.html

[4] Health Europa, “How medical cannabis can help fight against the US opioid crisis”, March 2020. Available at: https://www.healtheuropa.eu/how-medical-cannabis-can-help-fight-against-the-us-opioid-crisis/98482/

  • 1
  • 2
  • 3

Select Your Country

United Kingdom
Germany
Italy
Switzerland
Austria
Denmark
Finland
Ireland
Luxembourg
Netherlands
Norway
Spain
Sweden

Select Your Investor Type

======