fbpx

Demistificare il sistema endocannabinoide umano

Vi siete mai chiesti perché la cannabis ha un tale effetto su di noi? Beh, grazie al sistema endocannabinoide o all’ECS. L’ECS è una ricca e complicata rete di recettori nel nostro cervello e nel nostro intestino che aiuta a regolare lo stato naturale di omeostasi dell’organismo. L’ECS è il sistema biologico più esteso di recettori nel nostro corpo. Aiuta a regolare l’umore, l’appetito, la memoria, il sonno e persino la fertilità. Se il nostro corpo si ferisce, o cade fuori dall’omeostasi, questo segnala all’ECS di entrare in funzione. E non sono solo gli esseri umani ad avere una ECS; praticamente tutti gli animali del pianeta ne hanno una. In questo pezzo, guardiamo alla storia, alla prima scoperta dell’ECS e a come – nel corso degli anni – siamo arrivati a comprendere la sua completa funzione e come funziona all’interno del nostro corpo per regolare l’omeostasi.

La scoperta del sistema endocannabinoide

I primi contorni dell’ECS sono emersi negli anni ’60.[1] A quel tempo, gli scienziati sono riusciti a isolare numerosi composti dalla pianta di cannabis nota come fitocannabinoidi (“phyto” che significa “pianta”). La ricerca dell’effetto sul corpo umano ha rivelato un’intera rete di recettori, enzimi e percorsi biochimici coinvolti nella produzione e nell’uso dei cannabinoidi del corpo stesso (conosciuti come endocannabinoidi, “endo” che significa “provenienti dall’interno del corpo”). Anche se la ricerca si è concentrata principalmente su esseri umani e mammiferi, si è anche scoperto che condividiamo questi neurochimici con la maggior parte dei membri del regno animale, tra cui uccelli, anfibi, pesci e persino ricci di mare.

Quale funzione svolge il sistema endocannabinoide?

L’ECS è fondamentale per lo sviluppo iniziale e per tutta la vita. Siamo nati con un ECS. Nei nostri primi anni, esso media molteplici processi di sviluppo neurologico, tra cui la cognizione, la percezione, la motivazione, la salienza e la regolazione della paura. È anche cruciale in qualcosa chiamato sinaptogenesi, la formazione di sinapsi nel nostro cervello. Le sinapsi sono le piccole connessioni elettriche che permettono ai neurotrasmettitori di inviare informazioni in tutto il nostro corpo.

Quali sono i componenti primari del sistema endocannabinoide?

L’ECS è composto da tre componenti primari: recettori, endocannabinoidi ed enzimi.

Recettori

I recettori ricevono e traducono i messaggi trasmessi dai cannabinoidi. Attraverso il consumo di cannabinoidi, siamo in grado di stimolare questi recettori, che possono aumentare il nostro appetito, diminuire l’infiammazione, aiutare con l’insonnia e anche aiutare con i sintomi legati all’epilessia.[2] L’ECS ha due tipi di recettori: Recettori CB1 e CB2.[3] I recettori CB1 esistono nel cervello e nel midollo spinale, regolano l’appetito, la memoria e riducono il dolore.[4] I recettori CB2 esistono all’interno del sistema immunitario, lavorando principalmente per ridurre l’infiammazione in tutto il corpo.[5] L’infiammazione è il processo che il corpo subisce per guarire le aree infette o danneggiate del corpo. È anche la causa principale di molte condizioni mediche.

Endocannabinoidi

Gli endocannabinoidi, o cannabinoidi endogeni, sono cannabinoidi prodotti naturalmente all’interno del corpo. I cannabinoidi endogeni contrastano con i cannabinoidi esogeni, o cannabinoidi che si trovano all’esterno del corpo, che oggi si trovano sugli scaffali della maggior parte dei negozi di salute.[6] Quando viene rilevato uno squilibrio nel nostro ambiente interno, il nostro corpo sintetizza gli endocannabinoidi che interagiscono con i recettori dei cannabinoidi. Questo stimola una risposta chimica che funziona per riportare il processo fisiologico all’omeostasi. Gli endocannabinoidi agiscono come “chiavi”, mentre i recettori agiscono come “serrature”. Immaginate che, ogni volta che una chiave si inserisce in una serratura, questa connessione provoca un effetto sul corpo. Si tratta di due tipi principali di endocannabinoidi nel corpo: Anandamide e 2-AG.[7] L’anandamide, comunemente chiamata “la molecola della beatitudine”, è responsabile dello sballo del corridore e degli stati di beatitudine che derivano da cose come lo yoga e la meditazione. Il 2-AG è l’endocannabinoide più diffuso, responsabile della gestione dell’appetito, della risposta al dolore e delle funzioni del sistema immunitario.

Enzimi

Gli enzimi sono qualsiasi sostanza all’interno del corpo che provoca reazioni chimiche. Gli enzimi agiscono all’interno dell’ECS per riciclare gli endocannabinoidi usati dopo che il corpo ha finito con loro.[8]

Conclusione

Oggi l’ECS ci aiuta a capire come funziona la cannabis nel nostro corpo. La ricerca sta ora esplorando come vari cannabinoidi possono aiutare a regolare il nostro stato naturale di omeostasi. Tuttavia, mentre l’ECS può aiutarci a capire l’effetto dei diversi cannabinoidi, i cannabinoidi non sono la ragione per cui l’ECS esiste. È un sistema biologico che è sempre stato parte di noi. E mentre l’ECS svolge diversi compiti, ha sempre un obiettivo in mente: l’omeostasi, che è quello di mantenere le nostre cellule e il nostro sistema immunitario sani.

 

ETF Correlato:

FLWR: Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF

 

References:

[1] National Center for Biology Information, “Cannabinoid pharmacology: the first 66 years”, 2006. Available at: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1760722/

[2] BBC, “Cannabis-based medicine for epilepsy available on NHS from January”, December 2019. Available at: https://www.bbc.com/news/health-50874089

[3] National Center for Biology Information, “Pharmacology of cannabinoid CB1 and CB2 receptors”, 2020. Available at: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9336020

[4] Healthline, “A Simple Guide to the Endocannabinoid System”, 2020. Available at: https://www.healthline.com/health/endocannabinoid-system-2

[5] Frontiers in Neuroscience, “Cannabinoid Type 2 (CB2) Receptors Activation Protects against Oxidative Stress and Neuroinflammation Associated Dopaminergic Neurodegeneration in Rotenone Model of Parkinson’s Disease”, August 2016. Available at: https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fnins.2016.00321/full

[6] Virginia Pharmacists Association, “Role of Medical Marijuana and Cannabidiol (CBD) in Patient Care”, November 2019. Available at: https://virginiapharmacists.org/event/rphas-role-of-medical-marijuana-and-cannabidiol-cbd-in-patient-care/

[7] ScienceDirect, “2 Arachidonoylglycerol”, 2010. Available at: https://www.sciencedirect.com/topics/biochemistry-genetics-and-molecular-biology/2-arachidonoylglycerol

[8] National Center for Biology Information, “The Endocannabinoid System of Animals”, September 2019. Available at: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6770351/

  • 1
  • 2
  • 3

Select Your Country

United Kingdom
Germany
Italy
Switzerland
Austria
Denmark
Finland
Ireland
Luxembourg
Netherlands
Norway
Spain
Sweden

Select Your Investor Type

======