fbpx

Introduzione Al Futuro Sostenibile Del Cibo

Il 3 settembre 2020, il Rize Sustainable Future of Food UCITS ETF (FOOD) ha iniziato le negoziazioni presso la Borsa Italiana. FOOD cerca di investire in aziende che stanno innovando lungo tutta la catena del valore alimentare per costruire un sistema alimentare più sostenibile, sicuro ed equo per il nostro pianeta.

Con la diminuzione delle risorse globali e la crescita della popolazione, la sfida di fornire cibo sostenibile, nutriente e sano a una popolazione in crescita e urbana in modo più efficiente, riducendo al contempo i danni ambientali del pianeta, si sta intensificando. Entro il 2050, i sistemi alimentari globali dovranno soddisfare la domanda alimentare di oltre 10 miliardi di persone rispetto ai 7,8 miliardi di persone che usciranno dal 2019.[1]

 

Cos’è il cibo sostenibile?

Il cibo è essenziale per la vita. Esso costituisce una parte importante della nostra identità culturale e svolge un ruolo importante nell’economia. Le persone sono consapevoli che il cibo che mangiano sia un fattore importante per determinare la loro salute, ma ciò che è meno noto è l’impatto che la produzione e il consumo di cibo ha sulle risorse del mondo. Oltre alle auto che guidiamo e all’energia che consumiamo, il cibo che produciamo e mangiamo ha un impatto significativo sull’ambiente. Per esempio, questo avviene attraverso l’emissione di gas serra, l’uso delle risorse idriche e del suolo, l’inquinamento, l’esaurimento del fosforo e l’impatto di prodotti chimici come erbicidi e pesticidi sulla biologia e la funzione del suolo.

 

Cos’è un sistema alimentare sostenibile?

Un sistema alimentare sostenibile è un tipo di sistema alimentare che fornisce cibo sano alle persone garantendo al tempo stesso un impatto sostenibile sui sistemi ambientali, economici e sociali che circondano il cibo. I sistemi alimentari sostenibili iniziano con lo sviluppo di pratiche agricole sostenibili, lo sviluppo di sistemi di distribuzione alimentare più sostenibili, la creazione di diete sostenibili e la riduzione degli sprechi alimentari in tutto il sistema.[2] I sistemi alimentari sostenibili sono stati dichiarati centrali per molti, se non per tutti, i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite.[3]

 

Problemi con i sistemi alimentari convenzionali

I sistemi alimentari convenzionali si basano in gran parte sulla disponibilità di combustibili fossili a basso costo, necessari per l’agricoltura meccanizzata, la produzione di fertilizzanti chimici, la lavorazione degli alimenti e il confezionamento dei prodotti alimentari. La domanda di calorie a basso costo ed efficienti è aumentata con l’espansione della popolazione, con un conseguente calo generale della nutrizione. L’agricoltura industrializzata, a causa della sua dipendenza dalle economie di scala per ridurre i costi di produzione, porta spesso a compromettere gli ecosistemi locali, regionali e persino globali attraverso il deflusso dei fertilizzanti, l’inquinamento da fonti non puntuali e le emissioni di gas verdi.[4] Inoltre, la necessità di ridurre i costi di produzione in un mercato sempre più globale può far sì che la produzione di alimenti venga spostata in aree dove i costi economici (manodopera, tasse, ecc.) sono più bassi o le normative ambientali sono più permissive, che di solito sono più lontane dai mercati dei consumatori finali. Ad esempio, la maggior parte del salmone venduto negli Stati Uniti viene allevato al largo delle coste del Cile, in gran parte a causa di standard cileni meno rigorosi per quanto riguarda l’alimentazione dei pesci e indipendentemente dal fatto che il salmone non sia indigeno nelle acque costiere cilene.[5] La globalizzazione della produzione alimentare può comportare la perdita dei sistemi alimentari tradizionali nei paesi meno sviluppati e avere impatti negativi sulla salute della popolazione, sugli ecosistemi e sulle culture di quei paesi.

Il World Resources Institute ha avvertito che:

“Se gli attuali livelli di efficienza produttiva dovessero rimanere costanti fino al 2050, allora alimentare il pianeta significherebbe disboscare la maggior parte delle rimanenti foreste del mondo, spazzare via altre migliaia di specie e rilasciare emissioni di gas serra sufficienti a superare gli obiettivi di riscaldamento a 1,5°C e 2°C previsti dall’accordo di Parigi, anche se le emissioni di tutte le altre attività umane venissero completamente eliminate.”[6]

 

Cambiare le preferenze dei consumatori

Oggi vediamo un forte movimento verso un’alimentazione sana e sostenibile come componente principale del consumismo etico generale.[7] I crescenti casi di obesità e malattie correlate stanno rendendo i consumatori più attenti alla salute e richiedono prodotti alimentari e bevande naturali e a basso contenuto di grassi e calorie.

“La dieta occidentale media con elevate assunzioni di carne, grassi e zuccheri è un rischio per la salute individuale, per i sistemi sociali e per i sistemi di supporto alla vita ambientale. L’obesità, il diabete di tipo 2, l’ipertensione, l’osteoartrite e il cancro sono malattie diffuse legate alla dieta. La promozione di una dieta sana riduce anche l’impronta ambientale del consumo di cibo in Europa e nel mondo.”[8]

Circa 463 milioni di persone convivono con il diabete e, secondo l’International Diabetes Federation, questo numero dovrebbe salire a quasi 700 milioni entro il 2045.  Gli studi sostengono che una dieta a base di alimenti integrali e vegetali può prevenire e persino invertire una litania di malattie legate al cibo e allo stile di vita, tra cui le malattie cardiache e il diabete di tipo 2.[9] Allo stesso tempo, le preferenze dei consumatori si stanno allontanando dai prodotti di origine animale, soprattutto a causa delle crescenti preoccupazioni per il benessere degli animali, la salute personale e, soprattutto, la sostenibilità. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) stima che la produzione animale sia responsabile del 14,5% delle emissioni globali di gas serra, mentre altre organizzazioni come il World Watch Institute hanno stimato che potrebbe raggiungere il 51%.[10]

Note: Greenhouse gas emissions are given as global average values based on data across 38,700 commercially viable farms in 119 countries. Source: Our World in Data, “Food: Greenhouse gas emissions across the supply chain”, January 2020. Available at: https://ourworldindata.org/food-choice-vs-eating-local

 

ETF Correlato

FOOD: Rize Sustainable Future of Food UCITS ETF

 

Referenze:

[1] WRI, “How to Sustainably Feed 10 Billion People by 2050, in 21 Charts”, August 2020. Available at: https://www.wri.org/blog/2018/12/how-sustainably-feed-10-billion-people-2050-21-charts

[2] Food and Agriculture Organisation of the United Nations, “Sustainable food systems: Concept and framework”, 2018. Available at: http://www.fao.org/3/ca2079en/CA2079EN.pdf

[3] United Nations, “FAO and the 17 Sustainable Development Goals”, 2015. Available at: https://sustainabledevelopment.un.org/index.php?page=view&type=400&nr=2205&menu=1515

[4] Our World in Data, “Environmental impacts of food production”, January 2020. Available at: https://ourworldindata.org/environmental-impacts-of-food

[5] Al Jazeera, “Are Chile’s industrial salmon farms changing the seas?”, November 2019. Available at: https://www.aljazeera.com/ajimpact/chile-industrial-salmon-farms-changing-seas-191110182531076.html

[6] World Resources Institute, “Executive Summary Synthesis”, December 2018. Available at: https://research.wri.org/wrr-food/executive-summary-synthesis

[7] Retailer Leader, “Consumers want more fresh, less processed food”, October 2017. Available at: https://retailleader.com/consumers-want-more-fresh-less-processed-food

[8] European Commission, “Sustainable Food”, 2020. Available at: https://ec.europa.eu/environment/eussd/food.htm

[9] US National Library of Medicine, “A plant-based diet for the prevention and treatment of type 2 diabetes”, May 2017. Available at: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5466941/

[10] Sentient Media, “The Climate Crisis Secret”, 2020. Available at: https://sentientmedia.org/the-climate-crisis-secret

  • 1
  • 2
  • 3

Select Your Country

United Kingdom
Germany
Italy
Switzerland
Austria
Denmark
Finland
Ireland
Luxembourg
Netherlands
Norway
Spain
Sweden

Select Your Investor Type

======