fbpx

Nonostante le turbolenze domestiche le elezioni USA danno ottimismo all’industria della cannabis

ARTICOLO IN PRIMO PIANO

I punti salienti post-elettorali:

  • Il giorno delle elezioni, cinque stati degli Stati Uniti hanno approvato un totale di sei iniziative elettorali per la legalizzazione di programmi per la cannabis.
  • Quattro stati (Arizona, New Jersey, Montana e Sud Dakota) hanno adottato misure per l’uso da parte degli adulti; Mississippi e Sud Dakota hanno entrambi legalizzato la cannabis per uso medico.
  • Il Sud Dakota è passato alla storia come il primo Stato ad adottare programmi di cannabis sia ricreativi che medici attraverso lo stesso voto.
  • Includendo le entrate dei nuovi stati, il mercato legale statunitense prevede di raggiungere 38,3 miliardi di dollari entro il 2025.
  • La legalizzazione del New Jersey del mercato ricreativo sarà un catalizzatore per l’espansione e la normalizzazione dei programmi sulla cannabis nel Nordest e nell’East Coast.
  • Circa 234 milioni di persone – la maggior parte degli americani – avranno accesso legale al mercato medico o a quello degli adulti.

Tra gli sconvolgimenti della pandemia COVID-19 e una campagna presidenziale più controversa di qualsiasi altra nella storia americana moderna, le elezioni del 2020 negli Stati Uniti hanno portato ad alcune pietre miliari storiche per l’industria legale della cannabis.

Anche se il collegio elettorale è stato nettamente diviso tra gli stati blu e i rossi, e le fazioni che si sono divise nelle guerre culturali si sono frammentate in un numero qualsiasi di camere d’eco dei social-media, l’ampia popolarità della legalizzazione della cannabis e della riforma politica è stata ben stabilita.

Come documentato da oltre un decennio da ogni Gallup e dal Pew Research Center, quasi due terzi (66%) degli adulti statunitensi non solo sostengono la legalizzazione, ma Pew ha scoperto che una percentuale schiacciante (91%) tra loro ritiene che la cannabis dovrebbe essere legale sia per uso medico che ricreativo (59%), o almeno legalizzata per il solo uso medico (32%).

Ciò che la scorsa settimana ha confermato – attraverso referendum elettorali in cinque stati politicamente disparati e regionalmente rimossi (Arizona, Mississippi, Montana, New Jersey e South Dakota) – è che anche in un clima culturale polarizzato, la riforma della cannabis si è affermata come una questione di causa comune.

In Arizona, Montana, New Jersey e South Dakota la settimana scorsa i residenti hanno votato per l’adozione di cannabis per uso adulto. Nel 2016, l’Arizona non era riuscita per poco a passare una misura simile, il che ha sollevato dubbi sui livelli di impegno in materia tra gli stati tradizionalmente conservatori. La questione sembra per ora risolta, dato il sostegno confermato in Arizona (60%), Montana (58%) e Sud Dakota (53%), rispettivamente.

Il South Dakota si è dimostrato un caso unico, poiché lo Stato del Mount Rushmore ha legalizzato in un colpo solo sia la cannabis ricreativa che quella medica. Fino ad oggi, ogni Stato che aveva superato un provvedimento per l’uso da parte di adulti aveva precedentemente creato un mercato medico operativo. Essendo il primo a superare entrambi i programmi nello stesso ciclo elettorale, l’adozione diretta del South Dakota dimostra che un approccio per fasi non sia più una condizione preliminare per la piena legalizzazione, sebbene la sua iniziativa medica sia passata più comodamente (69%) di quanto non sia passata la misura per l’uso da parte degli adulti (53%).

Il Mississippi ha segnato il suo percorso unico nell’adozione della cannabis medica. Lì, dove sono state presentate due proposte di legge concorrenti per la legalizzazione, gli elettori hanno preferito in modo schiacciante una proposta sostenuta dai cittadini (Iniziativa 65) contro una misura più restrittiva, progettata dal governo (Iniziativa 65A). Così facendo, lo Stato della Magnolia si è unito alla Florida come secondo tra i paesi del profondo sud per legalizzare la cannabis.

Il risultato iniziale per il mercato legale statunitense nel suo complesso è che, mentre il settore quest’anno, secondo New Frontier Data, dovrebbe superare i 19,1 miliardi di dollari di vendite, il mercato futuro godrà di una spinta: le proiezioni riviste per quelli che erano stati 35,1 miliardi di dollari in cinque anni sono ora aumentate di 3,2 miliardi di dollari (oltre il 9%), passando da 35,1 miliardi di dollari a 38,3 miliardi di dollari entro il 2025.

Forse, in particolare tra i cinque nuovi mercati, il lancio di un mercato per l’uso da parte degli adulti nel New Jersey si rivelerà probabilmente un catalizzatore per la legalizzazione in tutto il Nord-Est. Tutto tranne che garantisce che i suoi tre stati vicini, New York e la Pennsylvania (con la prima e la sesta città più grande della nazione per popolazione) adotteranno mercati ricreativi nei prossimi 12-18 mesi (come hanno già telegrafato i rispettivi governatori), e normalizzeranno la loro presenza e i benefici socio-economici in altri stati del medio-atlantico (ad esempio, Delaware, Maryland e Virginia) lungo la costa orientale prima delle prossime elezioni presidenziali.

Gli effetti si intrecceranno anche al quadro della rappresentanza politica. La maggior parte degli americani – circa 234 milioni di persone – vivranno ora in un mercato legalizzato per uso medico o per adulti. Di conseguenza, il 72% dei membri del Congresso rappresenterà gli elettori che vivono in un mercato legale.

I nuovi mandati per il presidente, il Senato e la Camera li vedranno considerare i dettagli della riforma federale e la sua direzione da seguire. Nel frattempo, mentre molto rimane incerto e da determinare sulla pandemia, sull’economia nazionale e sulla nuova normalità nazionale, lo status quo oggi lascia presagire ricche opportunità di investimento e di crescita all’interno dei mercati statali.

Nel frattempo, New Frontier Data continuerà a monitorare il mercato, a raccogliere nuovi e sempre più completi dati e ad affinare le nuove analisi e le prospettive di mercato per informare meglio le strategie aziendali e politiche dei rispettivi stakeholder.

 

Questo articolo è stato prodotto da New Frontier Data. Rize ETF Ltd non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia di alcun tipo, espressa o implicita, circa la completezza, l’accuratezza, l’affidabilità o l’idoneità delle informazioni contenute in questo articolo.

 

ETF correlato:

FLWR: Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF

 

Referenze:

  1. New Frontier Data, “Despite Domestic Disruptions, US Elections Provide Optimism for Cannabis Industry”, November 2020. Available at: https://newfrontierdata.com/cannabis-insights/despite-domestic-disruptions-u-s-elections-provide-optimism-for-cannabis-industry/
  • 1
  • 2
  • 3

Select Your Country

United Kingdom
Germany
Italy
Switzerland
Austria
Denmark
Finland
Ireland
Luxembourg
Netherlands
Spain
Sweden

Select Your Investor Type

======