fbpx

La canapa beneficia del piano climatico di Biden

ARTICOLO IN PRIMO PIANO

Il primo giorno della sua amministrazione, il presidente Joe Biden inizia il lungo processo di attuazione del suo ambizioso Piano Biden, per una rivoluzione energetica pulita e per la giustizia ambientale. Il Piano per il clima, che propone circa 5 trilioni di dollari di investimenti da parte del settore privato e dei governi federali e statali, è la più significativa azione coordinata intrapresa contro il cambiamento climatico nella storia americana.

Il piano prevede una drastica de-carbonizzazione dell’economia statunitense e si impegna a raggiungere emissioni net-zero entro il 2050. La canapa industriale, della quale sentiamo elencare spesso i benefici dai suoi sostenitori, ha da trarre vantaggio dalla proposta del piano Biden per il clima.

Come tutte le altre colture, la canapa cresce attraverso la fotosintesi. Ciò significa che prende CO2 e rilascia ossigeno, mentre immagazzina il carbonio nella struttura stessa della pianta (cioè le fibre, l’erba e i semi). I prodotti fatti con la canapa intrappolano poi il carbonio sotto forma di qualsiasi prodotto fabbricato, che si tratti di una maglietta, di materiali da costruzione o di un cucchiaio di plastica. In realtà, i prodotti di canapa sono fabbricati trasformando il carbonio dell’atmosfera in beni utilizzabili. Le compensazioni di carbonio permettono ai prodotti di canapa di raggiungere lo stato di carbonio-neutro o eventualmente carbonio-negativo. Anche se i processi di produzione non riescono a raggiungere emissioni di carbonio negative, i materiali a base di canapa superano comunque quelli a base di petrolio, perché, in primo luogo, metà del risparmio di emissioni deriverebbe dal non dover estrarre il petrolio. Questo è teoricamente possibile con molte colture, ma ciò che distingue la canapa è la sua versatilità. Infatti, la canapa industriale è una delle poche risorse naturali a disposizione dell’uomo, la cui polivalenza può essere paragonata a quella del petrolio.

Tecnologie come l’auto elettrica, l’energia solare o eolica e l’idrogeno verde possono ridurre drasticamente l’uso del petrolio per la benzina o la produzione di energia, ma quasi il 30% del consumo di petrolio è dedicato alla produzione di plastica, prodotti chimici e altri materiali.

Queste industrie “poco sexy” non godono quasi dell’attenzione delle misure di de-carbonizzazione più interessanti (eolico, solare, ecc.), ma sono comunque essenziali. Il piano del presidente Biden si concentra molto su questo tipo di industrie. Ci sono più di 25.000 prodotti a risparmio di emissioni che possono essere fabbricati a partire dalla canapa industriale, e il repertorio si espande su decine di industrie, in particolare quelle prese di mira dal piano della nuova amministrazione. Tra gli esempi di come la canapa industriale potrebbe inserirsi nel quadro, ci sono i seguenti:

 

  • Industria automobilistica e trasporti

I componenti automobilistici in fibra naturale (spesso chiamati bio-compositi) sono tra i prodotti primari che possono essere fabbricati con la fibra di canapa, sostituendo i compositi a base di petrolio. Le parti bio-composite a base di canapa possono ridurre il peso di un’automobile fino al 25% senza sacrificare la forza o la funzionalità, aumentando così l’efficienza e riducendo il consumo di carburante. Secondo uno studio della Delft University of Technology nei Paesi Bassi, il risparmio di carburante associato all’adozione diffusa di materiali bio-compositi nelle automobili potrebbe raggiungere una riduzione tra 150 e 220 miliardi di libbre di CO2 all’anno. Questi risparmi di emissioni potrebbero essere amplificati, se applicati al trasporto pubblico, questo rappresenta un obiettivo centrale del Piano per il clima di Biden.

 

  • Alloggi ed edifici green

I materiali da costruzione tradizionali come l’isolamento in fibra di vetro, il cartongesso e i pavimenti in legno sono responsabili di un numero di emissioni quasi pari a quello delle case a basso consumo energetico che vengono utilizzate per la loro costruzione. La canapa industriale può offrire alternative neutre in termini di carbonio, efficienti dal punto di vista energetico e comparabili, in termini di costi, ai materiali da costruzione tradizionali. Prodotti come il cemento di canapa – un materiale da costruzione fatto di canapa e calce chimica – possono essere usati per sostituire o ridurre sia il muro a secco che l’isolamento in fibra di vetro. Oltre ad essere a zero emissioni di carbonio, il cemento di canapa può ridurre i costi energetici durante la fase di utilizzo. La struttura monolitica del cemento di canapa crea una massa ermetica con una minima perdita di calore, con conseguente bassa conduttività termica, alta capacità termica e alti valori di isolamento. Può migliorare l’efficienza energetica, che a sua volta riduce ulteriormente le emissioni di carbonio e aiuta i proprietari di case a ridurre le bollette. Altri materiali da costruzione a base di canapa sono l’imbottitura isolante, i pannelli di truciolato e i prodotti per la pavimentazione.

  • Agricoltura

Il Piano per il clima chiede esplicitamente di ” de-carbonizzare il settore alimentare e agricolo e di sfruttare l’agricoltura per rimuovere l’anidride carbonica dall’aria e immagazzinarla nel terreno “.

Il potenziale della canapa nel risanare i terreni e nel sequestrare il carbonio la rende un candidato ideale per questo approccio. Il suolo terrestre contiene circa 2.500 miliardi di tonnellate di carbonio, o 3 volte la quantità di carbonio immagazzinata nell’atmosfera, e 4 volte tanto il carbonio immagazzinato in tutte le piante e gli animali viventi. Un suolo sano è necessario per l’agricoltura moderna, mentre i suoli danneggiati rilasciano enormi quantità di CO2 nell’atmosfera, causando l’erosione che aumenta la quantità di polvere e particolato nell’aria, danneggiando poi i raccolti. I suoli contaminati dalla produzione industriale pesante o da incidenti industriali non possono più essere utilizzati per qualcosa di produttivo. In tutto il mondo, i danni della perdita del suolo costano circa 400 miliardi di dollari all’anno.

La canapa può aiutare a guarire i suoli danneggiati riducendo la quantità di erbicidi e pesticidi necessari per coltivare colture commerciali ad alto rendimento. La canapa è una delle piante a crescita più rapida del mondo, passando dal seme al raccolto in soli 100 giorni. Crea rapidamente un tetto che mette in ombra qualsiasi erbaccia che potrebbe crescere intorno ad essa, riducendo o eliminando così la necessità di erbicidi.

 

Questo articolo è stato prodotto da New Frontier Data. Rize ETF Ltd non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia di alcun tipo, espressa o implicita, circa la completezza, l’accuratezza, l’affidabilità o l’idoneità delle informazioni contenute in questo articolo.

 

ETF correlato:

FLWR: Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF

 

Referenze:

New Frontier Data, “Hemp Stands to Benefit from Biden Climate Plan”, January 2021. Available at: https://newfrontierdata.com/cannabis-insights/hemp-stands-to-benefit-from-biden-climate-plan/

  • 1
  • 2
  • 3

Select Your Country

United Kingdom
Germany
Italy
Switzerland
Austria
Denmark
Finland
Ireland
Luxembourg
Netherlands
Spain
Sweden

Select Your Investor Type

======