fbpx

Le crisi ambientali e climatiche globali

Il 23 luglio 2021, il Rize Environmental Impact 100 UCITS ETF (LIFE) ha debuttato alla Borsa di Londra. LIFE investe nelle 100 aziende più innovative e di impatto che trarranno vantaggio dallo sviluppo e dall’applicazione di soluzioni che affrontano le sfide climatiche e ambientali più urgenti del mondo. Ciò include leader e innovatori in materia di acqua pulita, veicoli elettrici, energie rinnovabili e idrogeno, efficienza energetica, rifiuti, economia circolare e soluzioni basate sulla natura. LIFE è stato progettato per affrontare i sei obiettivi ambientali definiti nella tassonomia dell’UE per le attività sostenibili: (1) Mitigazione dei cambiamenti climatici; (2) Adattamento ai cambiamenti climatici; (3) Uso sostenibile e la protezione dell’acqua e delle risorse marine; (4) Transizione verso un’economia circolare; (5) Prevenzione e controllo dell’inquinamento; e (6) Protezione e il ripristino della biodiversità e degli ecosistemi.

 

Il cambiamento climatico è senza dubbio la più grande sfida ambientale del nostro tempo. Sta succedendo; le temperature stanno aumentando, siccità e incendi si stanno verificando più frequentemente, i modelli delle precipitazioni stanno cambiando, i ghiacciai e la copertura del ghiaccio marino si stanno ritirando, il permafrost si sta sciogliendo, i deserti stanno avanzando e il livello medio globale del mare sta aumentando. Eppure, il cambiamento climatico non è l’unica sfida ambientale del nostro tempo. L’attività umana è direttamente responsabile della continua distruzione, frammentazione e degrado delle rimanenti risorse naturali, degli habitat e della biodiversità della Terra che, se consentite, avranno un impatto catastrofico sulla qualità della nostra aria, terra/suolo e acqua e quindi della nostra capacità di nutrirci e sostenerci, per non parlare di preservare il resto della natura selvaggia e della diversità delle forme viventi della Terra.

Per fortuna, negli ultimi anni, un’ondata di consapevolezza sociale ha dato origine alla diffusione di un consumismo consapevole e all’innovazione tecnologica per affrontare e rimediare a queste sfide. Oggi manteniamo la promessa di un futuro più verde, a condizione di investire ora in soluzioni promettenti che possono portare a un cambiamento significativo e diffuso.

Cambiamento climatico

Nell’affrontare il cambiamento climatico, il tempo scorre più velocemente che mai. Secondo l’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), un organismo intergovernativo delle Nazioni Unite (ONU) dedicato a fornire al mondo informazioni scientifiche obiettive sui cambiamenti climatici, limitare il riscaldamento globale a 1,5°C richiederebbe cambiamenti “Rapidi e ad oggi molto lontani”  in tutte le principali questioni che riguardano terra, energia, industria, edifici, trasporti e città. Per raggiungere tale obiettivo, le emissioni globali di anidride carbonica (CO2) antropogeniche (cioè prodotte dall’uomo) dovrebbero diminuire di circa il 45% rispetto ai livelli del 2010 entro il 2030, raggiungendo lo “zero netto” intorno al 2050. Mentre la scienza ci dice che il cambiamento climatico è inconfutabile, ci dice anche che non è troppo tardi per arginare la marea. Tecnologie nuove ed efficienti possono aiutarci a ridurre le emissioni e creare un mondo più pulito. Esistono già soluzioni tecnologiche prontamente disponibili per oltre il 70% delle emissioni odierne e una serie di nuove ed entusiasmanti tecnologie sempre più efficienti sono in varie fasi di sviluppo e implementazione.

 

Inquinamento dell’aria e del suolo

Nonostante alcuni miglioramenti regionali nell’inquinamento dell’aria e del suolo, soprattutto nei paesi sviluppati del mondo, il problema rimane globale e deve essere affrontato con urgenza. Ad esempio, l’inquinamento atmosferico causato dalle emissioni di particelle e gas tossici da motori a combustione, centrali elettriche a combustibili fossili e impianti industriali, è uno dei principali fattori di rischio di morte al mondo, a cui si deve il 9% dei decessi a livello globale. L’inquinamento del suolo derivante dal rilascio nell’ambiente di sottoprodotti non trattati delle attività industriali, effluenti zootecnici, prodotti agrochimici e rifiuti urbani sta contaminando il suolo e minacciando la sicurezza alimentare di almeno 3,2 miliardi di persone, il 40% della popolazione mondiale. Tuttavia, esistono già soluzioni tecnologiche in grado di ridurre notevolmente l’inquinamento dell’aria e del suolo, sempre più diffuse in tutto il mondo. Le soluzioni per il controllo dell’inquinamento e l’economia circolare sono già settori multimiliardari e si prevede che cresceranno notevolmente nei prossimi decenni.

 

Qualità e disponibilità dell’acqua

Come per il problema dell’inquinamento dell’aria e del suolo, sono stati compiuti progressi sostanziali nel miglioramento della qualità e della disponibilità dell’acqua in tutto il mondo, specialmente nei paesi sviluppati ed emergenti. Tuttavia, l’ONU stima che una persona su tre non ha accesso all’acqua potabile. Secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), l’economia blu, che comprende anche opportunità economiche legate agli oceani, dovrebbe raddoppiare e raggiungere i 3 trilioni di dollari entro il 2030. Gli investimenti necessari per rendere più sostenibile l’economia blu è addirittura maggiore di quello richiesto per le iniziative riguardanti il suolo. Quantificate in termini di 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite, le iniziative legate all’acqua hanno attratto la quota di investimenti più bassa fino ad oggi (3,5%). Con la crescent consapevolezza che occorre fare di più per garantire la sostenibilità delle risorse idriche e della vita e della salute marina, le opportunità di crescita per gli investitori continuano a sembrare interessanti nel medio e lungo termine.

Perdita di habitat naturali e biodiversità

Infine, la sfida più visibile che anche i più cinici del cambiamento climatico non possono ignorare: la perdita di habitat naturali della terra e della biodiversità. I danni ad alcune delle regioni più ricche di biodiversità della terra, comprese alcune delle nostre foreste più celebri (ad esempio, l’Amazzonia, il Congo e la Taiga) possono ora essere visualizzati e tracciati dallo spazio con l’assistenza dei satelliti. Tuttavia, mentre le cicatrici lasciate nel paesaggio sono evidenti, il conseguente declino della fauna selvatica e della biodiversità lo è meno. Siamo tutti consapevoli della situazione molto pubblicizzata delle grandi specie come la tigre, l’elefante e l’orso polare. Ma che dire dei milioni di specie di piccoli mammiferi, uccelli, rettili, anfibi e pesci che continuano a diminuire silenziosamente a ritmi senza precedenti? Tra il 1970 e il 2016 abbiamo assistito a una diminuzione del 68% delle popolazioni di specie di vertebrati monitorate. La perdita di habitat naturali e aree selvagge è principalmente causata dal cambiamento nell’uso del suolo (cioè, la conversione di habitat naturali come foreste o praterie in terreni agricoli, urbani o industriali). Tuttavia, anche il cambiamento climatico, l’inquinamento e l’eccessivo sfruttamento da parte dell’uomo delle risorse naturali come il legname contribuiscono in larga misura al danno.

Un recente rapporto commissionato dal governo britannico ha stimato che, tra il 1992 e il 2014, il capitale prodotto per persona è raddoppiato ma lo stock di capitale naturale per persona è diminuito di quasi il 40%. A questo ritmo, avremmo bisogno di più di un pianeta Terra e mezzo per mantenere gli attuali standard di vita del mondo. Molti scienziati pensano che sia in corso e in accelerazione una sesta estinzione di massa della vita.

Negli ultimi anni, i governi, le imprese e gli investitori hanno iniziato a prendere atto di questi rischi ambientali. Nel suo 16° Global Risks Report, il World Economic Forum ha osservato che se i rischi ambientali non vengono affrontati, “il degrado ambientale si intersecherà con la frammentazione della società” per portare a conseguenze disastrose. Inoltre, le due principali conferenze internazionali del 2021 — la 15a Conferenza delle parti della Convenzione sulla diversità biologica (COP15) e la 26a Conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) — offrono importanti opportunità per stabilire un nuova, ambiziosa direzione per il prossimo decennio. Assieme all’esplosione della pubblicità e della consapevolezza guidata da emittenti come BBC e Netflix, riteniamo che le soluzioni ecocompatibili e basate sulla natura saranno una delle aree di investimento più promettenti del futuro, poiché gli investimenti eco-consapevoli continuano a prendere piede a livello globale . Le opportunità di investimento rilevanti per questo tema includono la riabilitazione degli habitat naturali, la filtrazione dell’acqua, i sistemi di controllo dell’erosione  delle inondazioni, tra molti altri.

 

ETF correlato

LIFERize Environmental Impact 100 UCITS ETF

 

Referenze:

Sustainable Market Strategies, “SMS Environmental Impact Opportunities Thematic Classification”, Pages 4, 5 and 6. Available at: https://rizeetf.com/wp-content/uploads/2021/07/SMS-Environmental-Impact-Opportunities-Thematic-Classification.pdf

  • 1
  • 2
  • 3

Select Your Country

United Kingdom
Germany
Italy
Switzerland
Austria
Denmark
Finland
Ireland
Luxembourg
Netherlands
Spain
Sweden

Select Your Investor Type

======