fbpx

Il commercio di cannabis in Europa offre una miriade di opportunità in un ambiente regionale frammentato

ARTICOLO IN PRIMO PIANO

Le buone pratiche agricole e di raccolta (GACP) a livello europeo forniscono una linea di base per gli standard industriali che i produttori agricoli devono rispettare quando coltivano piante usate come medicinali. Allo stesso modo, le buone pratiche di fabbricazione (GMP) servono a governare il mercato europeo. Di conseguenza, gli standard hanno cooperativamente alzato la proverbiale barra per la produzione di cannabis a livello globale mentre i coltivatori e i produttori cercano di entrare nei mercati europei in rapida crescita e redditizi. Man mano che i paesi al di fuori dell’UE iniziano a importare cannabis medica, ci si aspetta che la maggior parte di essi adotti standard simili per i prodotti che importa. Di conseguenza, le aziende che cercano di partecipare al mercato globale dovrebbero aspettarsi standard di prodotto più severi man mano che i mercati si espandono.

L’Europa è pronta a diventare il più grande mercato d’importazione globale, dato che la struttura normativa della regione la rende adatta al commercio della cannabis all’interno degli stati membri, e tra le nazioni produttrici di cannabis a livello globale. Attualmente, tuttavia, la cannabis lotta per un punto d’appoggio sicuro a causa del lento progresso verso programmi medici solidi nei mercati chiave, compresi quelli di Regno Unito, Italia, Spagna, Portogallo e Francia.

Il mercato della Germania (il più grande in Europa) è cresciuto drammaticamente negli ultimi due anni, e fino alla metà del 2020, la Germania era il più grande importatore mondiale di cannabis medica. Tuttavia, rimane piccolo rispetto al volume della produzione attivata in tutto il mondo. Finché non saranno attivati più mercati di destinazione, è probabile che rimangano significativi squilibri di mercato tra i volumi di produzione in più rapida crescita a livello globale, e i mercati legali più lenti a diventare disponibili per assorbire quei prodotti.

Per vendere o importare medicinali e ingredienti farmaceutici attivi (API) in Europa, i produttori devono rispettare sia gli standard GMP dell’UE richiesti per i medicinali, sia certe pratiche di gestione del rischio qualità. Le strutture sono ispezionate regolarmente per garantire che continuino a rispettare gli standard GMP.

L’ubicazione di un impianto di produzione è particolarmente significativa, poiché solo un’autorità governativa può eseguire un’ispezione GMP, e ogni stato membro dell’UE ha i propri ispettorati. Per i siti situati al di fuori dell’UE, il primo paese membro in cui il prodotto arriva serve come autorità pertinente.

Così, ogni nazione dell’UE che importa o considera l’importazione di cannabis medica deve conformarsi all’aderenza dell’importatore agli standard GMP, o acquistare il suo prodotto da una struttura conforme alle GMP già in Europa.

Se si considera l’Europa nel suo complesso, i regolamenti incoerenti hanno implicazioni importanti anche per i prodotti a basso contenuto di THC. Molte nazioni europee hanno permesso ai consumatori di acquistare prodotti contenenti CBD, un cannabinoide non psicoattivo. Nel dicembre 2020, l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (EMCDDA) ha pubblicato un rapporto sui prodotti a basso contenuto di THC in Europa.

Nonostante l’apparente ubiquità di questi prodotti nel continente, la variabilità nella quantità di THC permessa nei prodotti a basso contenuto di THC presenta delle sfide per coloro che pianificano l’importazione di prodotti CBD in Europa.

La navigazione nel mercato a basso contenuto di THC è aggravata dal regolamento dell’UE sui nuovi alimenti, che attualmente vieta la vendita di alimenti infusi di CBD senza aver prima dimostrato che sono sicuri per il consumo umano. La norma aumenta i costi e le tempistiche operative per i produttori, che successivamente devono finanziare la ricerca clinica sui profili di sicurezza dei loro prodotti prima di poterli immettere sul mercato. Ma anche queste regole non sono applicate uniformemente: In Italia, i prodotti CBD derivati dalla canapa e che non superano lo 0,6% di THC sono considerati idonei come integratori alimentari. Queste incongruenze continueranno probabilmente a tormentare i fornitori di prodotti CBD per gli anni a venire.

Mentre Tilray ha iniziato a esportare prodotti di cannabis medica in Irlanda, Croazia e molte altre nazioni europee, Canopy Growth Corp. ha stabilito filiali nel Regno Unito, in Spagna e in Danimarca, rispettivamente. Infatti, le esportazioni mediche dal Canada verso l’Europa sono triplicate tra il 2017 e il 2018. Allo stesso modo, Aurora ha iniziato la costruzione di due grandi impianti di coltivazione (Aurora Sky e Sun) per produrre 100.000 chilogrammi di cannabis all’anno, dimostrando la strategia dell’azienda di capitalizzare la notevole capacità di esportazione.

Negli anni successivi, tuttavia, sia un eccesso di offerta a livello industriale che un’attivazione del mercato più lenta del previsto all’estero hanno lasciato i produttori canadesi con più capacità di quanto il mercato europeo potesse sostenere. Di conseguenza, nel dicembre 2020, Aurora ha annunciato che il suo impianto Sky stava riducendo l’attività al 25% della capacità, mentre l’impianto Sun rimane incompiuto. Poco dopo, Canopy Growth Corp. ha annunciato piani per chiudere le operazioni nel suo impianto in Danimarca. Altri produttori canadesi quotati in borsa hanno seguito l’esempio, riducendo l’esposizione in Europa per dare priorità agli sforzi di riduzione dei costi e all’ottimizzazione generale del business. Detto questo, quando le compagnie canadesi si sono ritirate, la statunitense Curaleaf ha annunciato la sua incursione internazionale, acquisendo il distributore europeo di cannabis EMMAC Life Sciences – mostrando una certa mancanza di ottimismo nei mercati internazionali.

A maggio, la tedesca Iuvo Therapeutics Ltd. ha annunciato l’importazione con successo di 20.000 unità di estratti a spettro completo dal Cann Group Limited in Australia. Si ritiene che rappresenti la più grande spedizione di estratti a spettro completo mai avvenuta dall’Australia, la transazione è indicativa di un altro grande giocatore che rivendica una quota in un mercato già affollato.

A giugno, Flora Growth ha annunciato di aver fatto un investimento strategico di 2 milioni di euro (2,4 milioni di dollari) per diventare un fornitore preferito di Hoshicap Portugal – una sovvenzione di Hoshi International con sede a Toronto. La mossa, secondo quanto riferito, consoliderà la posizione di Flora nel rifornire gli impianti di lavorazione UE di Hoshi a Malta e in Portogallo, compreso un porto per fornire fiori e derivati di cannabis colombiana outdoor conformi e di alta qualità ai membri dell’UE e ad altri partner globali.

Basti dire che l’industria europea della cannabis sta raggiungendo un punto di inflessione. Per avere successo, le parti interessate dovranno bilanciare le sfide normative e le continue incoerenze del mercato regionale contro le opportunità emergenti e crescenti sia a livello regionale che internazionale. Nel breve termine, la lotta per la posizione competitiva determinerà le prospettive per coloro che cercano di rimanere in un’arena altamente dinamica.

 

Questo articolo è stato prodotto da New Frontier Data. Rize ETF Ltd non rilascia alcuna dichiarazione o garanzia di alcun tipo, espressa o implicita, circa la completezza, l’accuratezza, l’affidabilità o l’idoneità delle informazioni contenute in questo articolo.

 

ETF correlato:

FLWR: Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF

 

Referenze:

  1. New Frontier Data, “Europe’s Cannabis Trade: Myriad Opportunities Amid a Fragmented Regional Environment”, July 2021. Available at: https://newfrontierdata.com/cannabis-insights/europes-cannabis-trade-myriad-opportunities-amid-a-fragmented-regional-environment/ 
  • 1
  • 2
  • 3

Select Your Country

United Kingdom
Germany
Italy
Switzerland
Austria
Denmark
Finland
Ireland
Luxembourg
Netherlands
Spain
Sweden

Select Your Investor Type

======