fbpx

Guardare oltre il carbonio e il profitto nella lotta ambientale

Non ci sono dubbi: il cambiamento climatico è una delle più grandi sfide del nostro tempo. Non più tardi di questo mese, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) ha consegnato un rapporto crudo e schietto sugli impatti e le cause del cambiamento climatico, ormai presente nelal vita di tutti i giorni.[1]

Infatti, che si tratti dell’aumento delle temperature o del livello del mare, dello scioglimento dei ghiacciai, dello scongelamento del permafrost, delle inondazioni e degli incendi sempre più frequenti, stiamo vivendo una triste anticipazione di ciò che il nostro futuro potrebbe riservarci se non intraprendiamo rapidamente azioni coraggiose.

La scienza è chiara e indiscutibile: il pompaggio di gas serra nell’atmosfera sta causando danni gravi e potenzialmente irreversibili per le generazioni future – il tutto mentre paralizza i sistemi di supporto biologico del nostro pianeta.

Eppure, per quanto critica possa sembrare la sfida del cambiamento climatico, purtroppo non è l’unica sfida ambientale del nostro tempo. Oggi, ci sono una miriade di problemi derivanti da anni di sfruttamento delle risorse naturali, essenzialmente gratis. La natura ha risposto alle nostre esigenze, ma ha avuto un costo enorme. Infatti, il degrado del nostro ambiente è avvenuto così velocemente che ha reso parti del nostro mondo completamente inagibili, inabitabili e irriconoscibili.

Infatti, che si tratti dell’aumento delle temperature o del livello del mare, dello scioglimento dei ghiacciai, dello scongelamento del permafrost, dello spostamento dei modelli di pioggia o di inondazioni e incendi sempre più frequenti, stiamo vivendo una triste anteprima di ciò che il nostro futuro potrebbe riservare se non passiamo all’azione.

La scienza è chiara e indiscutibile: il pompaggio di gas serra nell’atmosfera sta causando danni gravi e potenzialmente irreversibili per le generazioni future, il tutto mentre paralizza i sistemi di supporto biologico del nostro pianeta.

Eppure, per quanto critica possa sembrare la sfida del cambiamento climatico, purtroppo non è l’unica sfida ambientale del nostro tempo. Oggi, ci sono una miriade di problemi derivanti da anni di sfruttamento delle risorse naturali.

Negli ultimi decenni, la natura è stata in grado di tenere il passo con le nostre esigenze in costante aumento. Come risultato, il degrado del nostro ambiente è avvenuto così velocemente che ha reso parti del nostro mondo completamente inagibili, inabitabili e irriconoscibili.

La realtà è che oltre al cambiamento climatico, questioni come l’inquinamento dell’aria, lo smaltimento dei rifiuti, l’esaurimento dell’acqua, la distruzione della copertura del suolo, l’acidificazione degli oceani e la perdita di biodiversità, devono essere affrontate con urgenza se vogliamo che il nostro pianeta continui a respirare.

Questi problemi non saranno affrontati semplicemente concentrandosi sulla riduzione delle emissioni di CO2, che è solo una parte del problema. Dobbiamo tornare al principio, ovvero ciò di cui abbiamo bisogno sono idee coraggiose radicate nella scienza che sono progettate per trovare soluzioni ai nostri problemi e alle nostre necessità. Come risultato, il degrado ambientale è avvenuto così velocemente che ha reso parti del mondo completamente inagibili, inabitabili e irriconoscibili.

Siamo nelle prime fasi di quella che Al Gore chiama la “rivoluzione della sostenibilità”. Questa rivoluzione, secondo Gore, avrà la grandezza della “rivoluzione industriale” ma la velocità della “rivoluzione digitale”.

La sua potente citazione è un cenno all’incredibile numero di aziende che stanno emergendo per combattere non solo il cambiamento climatico, ma tutte le sfide ambientali.[2]

Giocando un ruolo essenziale nella lotta sempre più critica per preservare il mondo come lo conosciamo, queste aziende si distinguono nella loro capacità e desiderio di avere un impatto ambientale significativo.

Ecco alcune delle aree in cui crediamo che gli investitori abbiano la possibilità di cavalcare la crescita di queste aziende.

Inquinamento dell’aria e del suolo

Gli sforzi per combattere l’inquinamento dell’aria e del suolo possono essere aumentati negli ultimi anni, in particolare nelle nazioni sviluppate, ma entrambi rimangono problemi importanti. Basta guardare i fatti:

  • Le particelle e i gas tossici emessi dai motori a combustione, dalle centrali elettriche a combustibile fossile e dagli impianti industriali sono attualmente responsabili del 18% delle morti a livello globale.[3]
  • Attualmente, il degrado della terra e dei suoli colpisce almeno 3,2 miliardi di persone – il 40% della popolazione mondiale.[4]  

Oggi, sempre più aziende stanno sviluppando soluzioni tecnologiche per affrontare questi problemi in tutto il mondo. Infatti, il controllo dell’inquinamento e le soluzioni di economia circolare sono già industrie multimiliardarie e si prevede che cresceranno ancora di più nei prossimi decenni.
Un nome all’avanguardia di questa crescita a lungo termine è Donaldson, un produttore di sistemi di filtrazione e controllo dell’inquinamento. I regolamenti sull’aria pulita in tutto il mondo stanno diventando più severi e Donaldson è in prima linea in questo cambio di regime. L’azienda offre sistemi all’avanguardia di attrezzature per il controllo dell’inquinamento per le industrie che hanno commesso reati, come l’edilizia e l’industria mineraria.

 

Acqua pulita e servizi igienici

In un rapporto del 2019 dell’UNICEF e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, è stato determinato che una persona su tre sul pianeta non ha attualmente accesso all’acqua potabile.[5] Inoltre, 4,2 miliardi di persone non hanno servizi igienico-sanitari gestiti in modo sicuro e 3 miliardi non hanno strutture di base per il lavaggio delle mani.[6]

Secondo l’OCSE, gli investimenti in questo spazio dovrebbero raddoppiare e raggiungere i 3 trilioni di dollari entro il 2030.[7]

Un’azienda all’avanguardia nell’uso sostenibile e nella protezione dell’acqua è Kurita in Giappone. L’azienda sviluppa sistemi che riciclano l’acqua, riducono i rifiuti e convertono i rifiuti in carburante per diminuire massicciamente l’impatto ambientale dei suoi clienti.

Poiché il tema dell’acqua è sempre più presente nelle menti di investitori, politici e regolatori, Kurita è incredibilmente ben posizionata per beneficiare dell’inevitabile afflusso di capitale sostenibile.

Perdita di habitat naturali e specie

Tra il 1970 e il 2016, abbiamo visto un declino del 68% nella popolazione delle specie di vertebrati monitorate.[8]

Questo significa più di due terzi, quindi non è una sorpresa che molti scienziati ora credano che un sesto evento di estinzione di massa sia attualmente in corso e stia accelerando.

 Il declino della popolazione deriva principalmente da una perdita di habitat naturale e selvaggio. Questo, a sua volta, è guidato dalla trasformazione di aree come le foreste e le praterie in terreni agricoli, urbani o industriali (cioè, il cambiamento di uso del suolo).

Tutto ciò ha dato origine a un pool crescente di aziende che lavorano per ridurre lo stock di capitale naturale che usiamo per persona.

Prendiamo ad esempio il più grande proprietario privato di foreste d’Europa, SCA, che esclude dalle sue attività di gestione forestale le aree che presentano habitat vitali per la flora e la fauna sensibili. In totale, ha attualmente messo da parte 400.000 ettari di vari habitat, cioè più di trecentomila campi da calcio.[9]

Poiché i riflettori globali sono sempre più puntati sulla protezione e sul ripristino della biodiversità e degli ecosistemi, saranno le aziende come SCA a trarne i maggiori benefici.

 

Allargare la rete degli investimenti ambientali

La realtà è che la gestione delle emissioni di gas serra è diventata sinonimo di “soluzione” del cambiamento climatico. Per questo motivo, è l’area che attira maggiormente l’attenzione degli investitori e il capitale degli azionisti. È per questa ragione che molti fondi “ambientali” sono diventati proxy per i fondi “carbon avoidance”.

Non c’è alcun problema con questo, investire in quest’area è un ottimo modo per restituire qualcosa al mondo e allo stesso tempo ottenere un’esposizione a un’economia sostenibile in rapida crescita.

Tuttavia, le nostre sfide ambientali si estendono ben oltre il cambiamento climatico e la riduzione del carbonio. Ci sono infatti molte aree che richiedono disperatamente la nostra attenzione e protezione.

Allargare la rete per includere tutti i temi ambientali come i tre elencati sopra offre l’opportunità di fare ulteriori passi verso la rivoluzione globale della sostenibilità.

In fin dei conti, proteggere la terra è una questione di vita o di morte e ogni investimento che supporta questa causa è un investimento che ha il potenziale di generare rendimenti positivi, dal momento che trascorreremo i prossimi decenni investendo per rimediare ai danni causati.

 

ETF correlato

LIFERize Environmental Impact 100 UCITS ETF

 

Referenze:

[1] BBC, “Climate change: IPCC report is code red for humanity”, August 2021. Abrufbar unter: https://www.bbc.co.uk/news/science-environment-58130705

[2] Deutsche Bank, “Al Gore tells millennial clients that sustainability is biggest investment opportunity in history”, November 2019. Abrufbar unter: https://www.db.com/newsroom_news/2019/al-gore-tells-millennial-clients-that-sustainability-is-biggest-investment-opportunity-in-history-en-11638.htm

[3] Harvard, “Deaths from fossil fuel emissions higher than previously thought”, Februar 2021. Abrufbar unter: https://www.seas.harvard.edu/news/2021/02/deaths-fossil-fuel-emissions-higher-previously-thought

[4] UN, “Soil pollution a risk to our health and food security”, Dezember 2020. Abrufbar unter: https://www.unep.org/news-and-stories/story/soil-pollution-risk-our-health-and-food-security

[5] WHO, “1 in 3 people globally do not have access to safe drinking water – UNICEF, WHO”, Juni 2019. Abrufbar unter: https://www.who.int/news/item/18-06-2019-1-in-3-people-globally-do-not-have-access-to-safe-drinking-water-unicef-who

[6] ebd.

[7] OECD, “OECD work in support of a sustainable ocean”, June 2020. Available at: https://www.oecd.org/ocean/OECD-work-in-support-of-a-sustainable-ocean.pdf

[8] European Commission, “WWF Living Planet Report 2020 reveals 68% drop in wildlife populations”, 2020. Abrufbar unter: https://ec.europa.eu/jrc/en/science-update/wwf-living-planet-report-2020-reveals-68-drop-wildlife-populations

[9] SCA, “Delivering biodiversity conservation”, März 2021. Abrufbar unter: https://www.sca.com/globalassets/sca/hallbarhet/2021/delivering-biodiversity-conservation-v2021-03-16_en_rev.pdf

  • 1
  • 2
  • 3

Select Your Country

United Kingdom
Germany
Italy
Switzerland
Austria
Denmark
Finland
Ireland
Luxembourg
Netherlands
Spain
Sweden

Select Your Investor Type

======