fbpx
      Come Acquistare

          Presentazione del Rize Emerging Market Internet and Ecommerce UCITS ETF

          Il 5 aprile 2022, il Rize Emerging Market Internet and Ecommerce UCITS ETF (EMRJ) ha debuttato alla Borsa di Londra. EMRJ cerca di investire in aziende che trarranno vantaggio dalla maggiore adozione di piattaforme e tecnologie Internet ed e-commerce da parte dei consumatori nei mercati emergenti. Queste aziende sono leader e innovatrici nel commercio digitale e nei mercati online, cibo on-demand, ride-hailing e vendita al dettaglio, commercio sociale, viaggi online, servizi di e-commerce, logistica, ricerca online, annunci digitali e media digitali, videogiochi e intrattenimento. Questi settori in rapida evoluzione stanno tutti beneficiando dell’ascesa del consumatore digitalmente esperto e a reddito più elevato nei mercati emergenti.

           

          La rivoluzione digitale non si è limitata al mondo sviluppato. Oggi, un’economia online prospera nei mercati emergenti. La digitalizzazione ha dato il via a un’innovazione su scala tale da consentire agli imprenditori nostrani di creare alcune delle più grandi aziende del mondo. Queste storie di successo hanno adattato modelli di business consolidati alle preferenze locali e hanno agito da trampolino di lancio per ulteriori innovazioni. Il gigante cinese dell’e-commerce Alibaba è un esempio calzante. L’azienda ha innescato per anni le tendenze dell’e-commerce, inclusa una più stretta integrazione dei pagamenti con negozi online e social media. Ma ce ne sono anche altri. Prendi MakeMyTrip, la risposta dell’India a TripAdvisor. Oppure Coupang e MercadoLibre, le risposte coreane e argentine ad Amazon. E poi c’è Jumia della Nigeria, il rendering del paese di Shopify, e Paytm dell’India, la loro versione di Square. L’elenco potrebbe continuare.

           

          Un “Nasdaq” del mondo emergente

          Nell’ultimo decennio, un cosiddetto “Nasdaq” è emerso nei mercati in via di sviluppo che cattura olisticamente la loro stessa transizione digitale. Dal 2014, circa 10.000 aziende tecnologiche sono state lanciate nei paesi emergenti, quasi la metà al di fuori della Cina.[1] Le aziende locali ora dominano il mercato della ricerca in Cina, del servizio di assistenza clienti in Indonesia e dei pagamenti mobile in Kenya. Eppure, molti investitori hanno perso – e continuano a trascurare – queste entusiasmanti opportunità di investimento. Si potrebbe anche sostenere che i benchmark tradizionali abbiano promosso un sottoinvestimento cronico degli Stati Uniti e dell’Europa in queste società a causa della natura statica di molti ampi indici di mercato. Ma non più. Il nostro Rize Emerging Market Internet and Ecommerce UCITS ETF mira a investire in un paniere all-inclusive di leader digitali nel mondo emergente. Si tratta di aziende che stanno sfruttando la digitalizzazione per sbloccare quella che riteniamo sia la prossima fase di crescita del mondo emergente.

           

          Sfera di influenza

          Per iniziare, è importante comprendere la pura influenza dei mercati emergenti di oggi. Più della metà delle persone sulla Terra vive all’interno di questo cerchio. Comprende 22 delle 37 megalopoli del mondo. Queste sono alcune delle città più popolose del mondo, tra cui Jakarta, Seoul, Mumbai, Shanghai e Karachi. Il cerchio contiene anche molti mercati emergenti del futuro, paesi che il World Economic Forum ha previsto guideranno la crescita economica globale nel prossimo decennio. Questi sono paesi come l’India, l’Indonesia, il Vietnam, la Thailandia e le Filippine.

          Fonte: Worldometer 2020

           

          Nuovi motori di crescita emergente

          L’opportunità del mercato emergente oggi si estende ben oltre la Cina. Mentre questo Paese è stato al centro della maggior parte degli ultimi due decenni – e giustamente i tassi di crescita sono stati eccezionali – l’opportunità del mercato emergente oggi deve essere considerata in modo più ampio. Ci sono ovviamente molte opportunità in Cina, ma anche la Cina sta invecchiando. L’età media in Cina oggi è 38 anni. Confrontiamola con 28 sia per il Sud Africa che per l’India. A fini comparativi, si noti che il primo e il secondo Paese più antico del mondo, Monaco e Giappone, hanno un’età media di 55 e 53 anni. Altri paesi emergenti vantano un’età media ancora più bassa. Egitto e Filippine, ad esempio, hanno un’età media di 24 anni. La Nigeria, nel frattempo, ha un’età media di 18 anni. E l’effetto ricchezza del dividendo demografico è ben documentato. I dati demografici di oggi raccontano quindi una storia avvincente sulle opportunità regionali man mano che la classe emergente cresce.

           

          Il potere del dividend demografico

          Fonte: CIA World Factbook 2020

           

          Il consumatore del mercato emergente rappresenta una opportunità

          Il consumatore del mercato emergente rappresenta una opportunità. L’aumento del reddito disponibile, l’urbanizzazione, lo slancio positivo delle riforme, la forte demografia e l’adozione diffusa di dispositivi digitali hanno formato collettivamente la base di questo megatrend. E al centro di questo megatrend ci sono due sottotemi che si rafforzano a vicenda: Internet come incubatore per l’innovazione tecnologica e l’e-commerce come catalizzatore per il cambiamento comportamentale.

          E il comportamento è cambiato. Alcune stime suggeriscono che la pandemia di Covid-19 abbia accelerato il comportamento digitale nei mercati emergenti fino a cinque anni.[2] L’impatto incommensurabile dei servizi digitali sulle popolazioni svantaggiate, soprattutto nei Paesi privi di altrettanti negozi e infrastrutture fisiche, di facile accesso a banche e medici e ai mezzi di trasporto necessari per frequentare la scuola e il lavoro, è una pietra angolare della velocità di adozione di strumenti digitali. E con questi comportamenti ora ben radicati nei mercati emergenti, con l’aumento dei redditi, possiamo aspettarci un aumento anche della classe dei consumatori digitali emergenti.

           

          In tutti i Paesi, la penetrazione dell’e-commerce aumenta rapidamente con l’aumento dei redditi

          Fonte: statista.com (2021 ecommerce est); World Bank World Development Indicators (2019 actuals)

           

          Ciò rappresenta un’opportunità senza precedenti. Come ha illustrato Joseph Alois Schumpeter nel suo libro Capitalismo, Socialismo e Democrazia, le rivoluzioni tecnologiche possono durare a lungo. Automobili, ferrovie e motori a vapore stavano ancora trasformando le economie 50 anni dopo. Ora, si prevede che l’era in declino della globalizzazione regolerà il numero di mercati emergenti che possono prosperare solo grazie alle esportazioni. Tuttavia, l’era della digitalizzazione presenta nuove opportunità. È probabile che tale era rappresenti il percorso rivoluzionario del mondo in via di sviluppo.

          Fonte: Visual Capitalist 2021

           

          ETF correlato:

          EMRJRize Emerging Market Internet and Ecommerce UCITS ETF

           

          Referenze:

          [1] Financial Times, “Technology will save emerging markets from sluggish growth”, April 2021. Available at: https://www.ft.com/content/2356928b-d909-4a1d-b108-7b60983e3d22

          [2] Euromonitor’s Classification for Emerging Market Internet & Ecommerce, 2022. Available at: https://rizeetf.com/wp-content/uploads/2022/04/Euromonitors-Classification-for-Emerging-Market-Internet-Ecommerce.pdf

          • 1
          • 2
          • 3

          Select Your Country

          United Kingdom
          Germany
          Italy
          Switzerland
          Austria
          Denmark
          Finland
          Ireland
          Luxembourg
          Netherlands
          Norway
          Spain
          Sweden

          Select Your Investor Type

          ======