fbpx
      Come Acquistare

          Intervista con la dottoressa Amanda Reiman: le previsioni sulla cannabis medica

          In questa intervista, parliamo con la dottoressa Amanda Reiman, Chief Knowledge Officer di New Frontier Data, per analizzare i recenti sviluppi della cannabis negli Stati Uniti, dalla riforma del presidente Biden, alla legislazione tedesca e alle prospettive della cannabis per uso medico nel mondo.

          WhiteHouse

          Tom Barker: La cancellazione della condanna da parte del Presidente Biden a coloro che sono stati imprigionati per semplice possesso di cannabis sembra un altro segno del cambiamento di opinione nei confronti della cannabis per gli adulti. Potrebbe anche servire da volano per la cannabis terapeutica?

          Dott.ssa Amanda Reiman: Sono d’accordo sul fatto che l’annuncio del Presidente Biden abbia segnato un cambiamento di rotta nella giustizia penale della politica relativa alla cannabis. Tuttavia, il sostegno pubblico alla cannabis terapeutica è da tempo intorno all’80% a livello nazionale. In ambito puramente medico, di recente abbiamo assistito ad alcuni progressi sfumati. Uno di questi consiste nella fine del monopolio del National Institute on Drug Abuse (“NIDA”) sulla coltivazione della cannabis per la ricerca. La cannabis era l’unica droga di cui era prevista la classificazione 1 e i ricercatori dovevano ottenerla solo dal NIDA e non da altre fonti. I ricercatori hanno passato decenni a cercare di accedere a quella cannabis (che era molto scadente e per nulla rappresentativa del mercato reale), ma il NIDA rifiutava chiunque volesse studiare i possibili benefici della cannabis per la salute. Poi, qualche anno fa, il NIDA ha annunciato che avrebbe posto fine al suo monopolio e che avrebbe accettato le richieste dei ricercatori che cercavano cannabis con una licenza DEA Schedule 1 e che questa cannabis avrebbe potuto essere usata per la ricerca nel contesto di sovvenzioni finanziate a livello federale. La dottoressa Sue Sisley, in Arizona, è stata una delle prime a ottenere questa licenza e ha completato con successo gli studi di fase 1 e 2 sulla cannabis integrale per il dolore. Al momento non è riuscita a ottenere i finanziamenti per la sperimentazione di Fase 3.

          Attualmente, Biden è pronto a firmare il primo disegno di legge autonomo sulla cannabis. Si tratta di una legge sulla ricerca e sulla cannabis medica. Il suo scopo è stabilire una scadenza per la risposta del Procuratore Generale degli Stati Uniti a una richiesta di autorizzazione e migliorare l’efficienza per i ricercatori che vogliono studiare una quantità maggiore di cannabis. Per sottolineare lo stallo del governo federale sulla questione della cannabis terapeutica, questa legge ha avuto un percorso difficile per arrivare sulla scrivania del Presidente. L’ultima direzione che abbiamo avuto dall’Ufficio Esecutivo, a parte i recenti condoni, è un promemoria che promette che il governo federale non interferirà nei programmi statali di cannabis terapeutica a meno che non siano soddisfatte alcune condizioni, come prove di altri crimini, armi da fuoco, ecc. Ci sono altre proposte di legge più complete per la ricerca, ma stanno lottando per uscire dal Congresso e probabilmente continueranno a farlo se i Repubblicani controlleranno la Camera dei Rappresentanti.

          Quindi, per rispondere alla sua domanda, credo che la cannabis medica sia già arrivata. La maggior parte degli Stati ha una sorta di programma per la cannabis terapeutica e quelli che non ce l’hanno è improbabile che ne adottino uno anche se c’è una legalizzazione federale, finché possono scegliere di non farlo. È anche molto probabile che il governo federale riclassifichi la cannabis, crei un’eccezione per i programmi statali già in atto, dia agli Stati la possibilità di adottare programmi per l’uso da parte degli adulti, tassi questi programmi e poi sviluppi un percorso FDA per i farmaci a base di cannabinoidi da coprire con l’assicurazione (come il Sativex).

          MedicalCannabis

          Tom Barker: In che modo il Secure and Fair Enforcement Act (“SAFE”) negli Stati Uniti contribuirà a sbloccare il flusso di capitali nel settore della cannabis medica?

          Dott.ssa Amanda Reiman: Sia per le aziende che producono cannabis per uso medico e per uso adulto, sia per le aziende che le servono, l’accesso alle banche aiuterà a sbloccare il flusso di capitali. Per la cannabis medica, in particolare, saranno disponibili tassi di prestito speciali e altre opzioni bancarie legate al settore sanitario. Inoltre, l’accesso all’assicurazione e ad altri servizi aziendali sarà probabilmente accompagnato da un supplemento più basso una volta ottenuto l’accesso alle banche. Al momento, tutte le aziende che operano nel settore della cannabis sono soggette a commissioni di utilizzo molto elevate da parte dei processori di pagamento, a causa del rischio di fare affari con loro. Queste tariffe dovrebbero diminuire una volta che il rischio sarà diminuito. E poiché le operazioni in una struttura per la cannabis terapeutica possono essere sottoposte a un livello di controllo e di responsabilità più elevato rispetto alle strutture per l’uso da parte degli adulti, tariffe più ragionevoli in queste aree andranno a vantaggio delle strutture per la cannabis terapeutica. Come per tutte le imprese che operano nel settore della cannabis, il SAFE Banking Act sbloccherebbe l’accesso ai prestiti per le piccole imprese e ad altri servizi di supporto finanziario, compreso il credito.

          Tom Barker: La legalizzazione della cannabis per uso adulto in Germania potrebbe costituire un precedente per il resto d’Europa?

          Dr. Amanda Reiman: Assolutamente sì! Se si guarda agli Stati Uniti, gli Stati erano come un domino. Ma quando ognuno di essi ha approvato una normativa, non ha reinventato la ruota, bensì ha adottato versioni delle normative che altri Stati avevano approvato prima di loro. Le tessere del domino hanno iniziato a cadere più rapidamente nel tempo, perché una volta che gli Stati hanno visto le normative prese a modello altrove, sono stati più propensi a regolamentarsi da soli. Nessuno voleva essere il primo, ma quando è successo, molti Stati si sono buttati nella cannabis tutti insieme.

          Tom Barker: In caso affermativo, questo andrebbe a vantaggio del settore della cannabis terapeutica in Europa?

          Dott.ssa Amanda Reiman: Sì, sarà vantaggioso per il settore medico, perché porta alla normalizzazione e all’integrazione della cannabis. Più le persone vedono il consumo di cannabis alla luce del sole e da parte di una grande varietà di persone, più è probabile che la provino loro stesse o almeno che cambino la loro opinione su di essa. Tuttavia, un paio di cose condizioneranno la sua adozione.

          Uno è il percorso che le persone devono seguire per ottenere la cannabis terapeutica. Negli Stati Uniti, alcuni Stati hanno un percorso molto semplice per diventare pazienti. In altri, invece, è molto arduo. Se il percorso per ottenere lo status di paziente è troppo difficile, le persone non ricorreranno al sistema, anche se è tecnicamente legale.

          L’altra questione è l’accesso al capitale, in modo che le aziende che si occupano di cannabis medica possano prosperare. Molto dipenderà dal rapporto tra Stato e nazione sull’accesso alla cannabis terapeutica.

          Se una località e una nazione non sono d’accordo sul fatto che l’accesso debba esistere o su come debba essere, questo minaccerà il programma. Anche in nazioni come il Canada, dove la cannabis è legale a livello federale, ci sono problemi in luoghi che vogliono essere più liberali del governo federale e le normative nazionali non sono così favorevoli alle imprese come alcuni vorrebbero. Quindi, mettere un’intera nazione in sintonia con il modo in cui la cannabis dovrebbe essere regolamentata è difficile, ma renderà la transizione più agevole. Probabilmente ci vorrà del tempo.

          Cannabis Plant

          Tom Barker: C’è un legame tra il cambiamento di atteggiamento verso la cannabis per consumo adulto e la crescita dello sviluppo della cannabis medica?

          Dott.ssa Amanda Reiman: Sì, qualsiasi liberalizzazione dell’accesso alla cannabis, sia per uso medico che per uso adulto, sembra normalizzare l’uso e portare a ulteriori riforme. Detto questo, il sostegno alla cannabis terapeutica è estremamente elevato. Quindi, non si tratta solo di cambiare gli atteggiamenti, ma anche di spingere i politici a cambiare le leggi e a sviluppare i regolamenti successivi. L’opinione pubblica ha già votato a favore della cannabis terapeutica e l’aumento del sostegno all’uso da parte degli adulti non fa che rafforzare ciò che è già vero per l’opinione pubblica.

          Tom Barker: Quali sono le differenze fondamentali tra il mercato del consumo per adulti e quello del consumo medico? I due mercati si possono integrare a vicenda?

          Dr. Amanda Reiman: Secondo l’indagine sui consumatori condotta da New Frontier Data, la maggior parte dei consumatori dichiara di utilizzare la cannabis sia per uso medico che per uso adulto. In effetti, i motivi principali per cui i consumatori dicono di usare la cannabis sono il rilassamento e la gestione del dolore. Quindi, la vera differenza è determinata dalle leggi.

          Negli stati che hanno accesso sia all’uso medico che a quello per adulti, la motivazione che spinge a diventare un paziente di cannabis medica è il costo e un maggiore accesso. La maggior parte degli Stati con entrambi i programmi prevede incentivi finanziari per i pazienti (in genere agevolazioni fiscali) e consente ai pazienti di acquistare e possedere quantità maggiori di fiori di cannabis in prodotti fabbricati. Negli Stati con programmi solo medici e un elenco limitato di condizioni approvate, ci sono ancora molte persone che consumano al di fuori di quel mercato regolamentato e per scopi medici e per uso adulto, ma non sono incluse nel programma autorizzato. In termini di prodotti utilizzati dai consumatori per uso medico rispetto a quelli per uso adulto, il fiore è il prodotto principale per entrambi i gruppi. Nelle popolazioni ad uso medico si riscontra un uso maggiore di tinture e prodotti topici. I consumatori per uso medico tendono a essere più anziani e di sesso femminile; quindi, si vedono prodotti per donne orientati maggiormente verso il consumo medico.

          Tom Barker: Che ruolo ha la cannabis medica nell’industria di Big Pharma?

          Dott.ssa Amanda Reiman: Finora, negli Stati Uniti, non è un ruolo importante. La cannabis integrale è, per sua natura, molto difficile da far passare attraverso il processo della FDA a causa della sua natura complessa. Alla FDA interessa che una sola sostanza chimica sia responsabile di un solo effetto. La cannabis a pianta intera non funziona in questo modo. Inoltre, a causa dello status di Schedule 1 della cannabis, la ricerca clinica è stata estremamente difficile, soprattutto per coloro che cercano i benefici della cannabis per la salute, dato che la NIDA finanzia l’80% della ricerca mondiale sulle droghe. Paesi come Israele e Spagna sono stati molto più avanti degli Stati Uniti nella ricerca sulla cannabis. Il Sativex, ad esempio, non è approvato per l’uso negli Stati Uniti. Se la cannabis venisse reinserita nella lista, mi aspetterei di vedere un gioco molto più grande da parte di Big Pharma. Ciò ridurrebbe le barriere alla ricerca clinica e i costi di conduzione degli studi. Inoltre, darebbe la certezza che, se approvato, il farmaco sarà disponibile sul mercato statunitense.

          Tom Barker: Quali sono attualmente i casi d’uso più promettenti (comprovati) della cannabis medica?

          Dr.ssa Amanda Reiman: Attualmente, le condizioni di uso della cannabis più comprovate sono la nausea e il vomito, il dolore cronico e la spasticità. Naturalmente, ci sono una miriade di sintomi e condizioni per cui le persone usano la cannabis e riportano benefici. Tuttavia, a causa delle barriere alla ricerca, è stato difficile condurre studi controllati su altre condizioni per verificarne l’efficacia. La ricerca sull’uso per le condizioni di salute mentale è stata ancora più difficile da finanziare. Sarà interessante vedere come si svilupperà la programmazione!

          Tom Barker: Grazie per il suo tempo, Amanda, è stato molto interessante.

           

          ETF correlato:

          FLWR: Rize Medical Cannabis and Life Sciences UCITS ETF

          • 1
          • 2
          • 3

          Select Your Country

          United Kingdom
          Germany
          Italy
          Switzerland
          Austria
          Denmark
          Finland
          Ireland
          Luxembourg
          Netherlands
          Norway
          Spain
          Sweden

          Select Your Investor Type

          ======