Come Acquistare
          8 min. di lettura
          Windmils, wind energy, clean energy in the US

          Le aspettative sulla transizione verde e i rischi provenienti dalla politica USA nel 2024

          Environmental Impact

          Scritto da: Rahul Bhushan

          Pubblicato da: 12 January 2024

          Close

          Punti chiave

          Nonostante le divisioni politiche, gruppi bipartisan stanno investendo attivamente nell'energia eolica e solare, dimostrando un impegno collettivo a favore delle energie rinnovabili per la crescita economica.

          Sebbene gli Stati repubblicano si siano opposti all'Inflation Reduction Act (IRA), sono quelli che trarranno i maggiori benefici dagli investimenti in energia pulita, grazie al forte potenziale di energia rinnovabile esistente e alle opportunità economiche.

          Gli investimenti nelle energie pulite sono quindi resistenti ai cambiamenti politici grazie all'attrattiva economica e all'attenzione condivisa per la "sicurezza energetica", garantendo una crescita e un sostegno continui indipendentemente dall'esito delle elezioni.

          Introduzione

          Negli ultimi cinque anni, i titoli del settore ambientale hanno affrontato una complessa serie di venti contrari: la presidenza Trump, la pandemia COVID-19, la guerra in Ucraina, un ciclo di rialzi dei tassi senza precedenti e le nuove tensioni in Medio Oriente.

          Questi titoli hanno resistito anche a sfide quali le interruzioni della catena di approvvigionamento globale e la volatilità dei costi di materiali critici come terre rare e litio, fondamentali per le tecnologie delle energie rinnovabili. Sono riusciti a navigare in un panorama normativo mutevole in vari Paesi, affrontando politiche intricate e in continuo cambiamento riguardo gli incentivi per l’energia pulita e le emissioni di carbonio.

          Inoltre, i titoli legati all’ambiente sono riusciti a mantenere una certa stabilità in un contesto in cui il sentimento dell’opinione pubblica nei confronti della transizione energetica è variato, passando da un forte sostegno allo scetticismo, il che rispecchia le diverse posizioni globali sul cambiamento climatico e sulla politica energetica. Questa stabilità non solo sottolinea la generale resilienza del settore, ma evidenzia anche il suo ruolo significativo nel graduale spostamento dell’economia globale verso la sostenibilità.

          In questo articolo approfondiamo la crescita costante del settore delle energie pulite, un megatrend secolare sostenuto dalla domanda del mercato, dal progresso tecnologico e dall’impegno globale per la sostenibilità. Inoltre, esaminiamo il crescente sostegno bipartisan per le energie rinnovabili, un fattore che tempera la probabilità di cambiamenti politici significativi dopo le elezioni.

          USA clean energy, wind power

          Quanto è bipartisan il sostegno all’energia pulita?

          Non sorprende che gli Stati Uniti presentino un notevole divario sulle preoccupazioni ambientali, dato che i dati di un sondaggio Pew mostrano un netto contrasto:

          l’88% dei democratici si sente angosciato per le condizioni della Terra, contro solo il 50% dei repubblicani, con un numero ancora più basso di persone che si sentono ansiose o motivate ad affrontare il cambiamento climatico.1

          Nonostante ciò, il divario partitico non ha ostacolato gli investimenti nelle energie pulite. Gli Stati repubblicani stanno perseguendo attivamente l’energia eolica e solare. L’analisi che segue esamina la produzione di energia eolica e solare negli Stati Uniti, utilizzando i dati dell’Energy Information Administration e di Ember Climate e incorporando le intuizioni chiave di Hannah Ritchie di Our World In Data.2

          Gli Stati repubblicani sono i maggiori produttori di energia eolica

          Nel 2022, i primi cinque Stati leader nella produzione di energia eolica erano prevalentemente repubblicani, come indicato nel grafico che segue. Il grafico seguente utilizza un codice colore per distinguere l’orientamento politico di ciascuno Stato: rosso per i repubblicani, blu per i democratici e grigio per gli swing states.

          US share of electricity generation from wind

           

          L’esame della produzione totale di energia eolica rivela una tendenza simile. Il grafico successivo mostra i primi 10 Stati in base alla loro produzione di energia eolica. In cima alla lista c’è il Texas, in netto vantaggio rispetto agli altri. Dopo il Texas, gli altri tre Stati in testa, l’Iowa, l’Oklahoma e il Kansas, sono tutti repubblicani. In particolare, circa il 70% dell’energia eolica statunitense è prodotta in Stati politicamente repubblicani.3

           

           

          Gli Stati repubblicani mostrano meno entusiasmo per il solare, ma non sono contrari

          Per quanto riguarda l’energia solare, la tendenza degli Stati repubblicani è leggermente diversa. Sebbene siano meno attivi nel solare rispetto all’eolico, sono comunque impegnati in modo significativo. La California è in testa nella produzione di energia solare, ma il Texas, tipicamente una roccaforte repubblicana, è al secondo posto. La Florida e la Carolina del Nord, anch’essi Stati “rossi”, figurano tra i primi cinque. In particolare, gli Stati repubblicani hanno rappresentato un terzo della produzione solare totale degli Stati Uniti nel 2022.4

          US States electricity generation from solar PV

          Ai repubblicani piace la sicurezza energetica, anche se (forse) si preoccupano meno della sicurezza climatica

          Questi dati suggeriscono che gli Stati repubblicani stanno progressivamente adottando l’energia pulita, con considerazioni economiche che probabilmente giocano un ruolo più significativo rispetto alle preoccupazioni per il cambiamento climatico. La loro posizione geografica nella ” Wind Belt” degli Stati Uniti offre loro abbondanti risorse eoliche e solari, che portano a fattori di capacità elevati e a rendimenti d’investimento interessanti.5 Per i proprietari terrieri, l’energia pulita rappresenta un’impresa redditizia, in grado di produrre un reddito costante con un impatto minimo sulle loro attività agricole. Questa stabilità è particolarmente attraente rispetto alle incertezze dell’agricoltura, spesso soggetta a rendimenti incostanti a causa di condizioni meteorologiche variabili e raccolti scarsi. L’attrattiva economica dell’energia eolica e solare sembra essere un fattore chiave per la sua adozione in queste aree, suggerendo un atteggiamento più pragmatico verso lo sviluppo delle energie rinnovabili di quanto si possa inizialmente prevedere.

          Many red states lie in the wind belt, with high wind speeds

          Tuttavia, il passaggio all’energia pulita negli Stati repubblicani non è guidato esclusivamente dalle dinamiche di mercato. Anche le considerazioni politiche giocano un ruolo fondamentale. In primo luogo, la velocità di sviluppo dei progetti rinnovabili è influenzata in modo significativo dalle normative e dalle restrizioni edilizie, aree in cui gli Stati repubblicani sono spesso avvantaggiati. In secondo luogo, e un po’ per ironia della sorte, questi Stati sono stati i maggiori beneficiari dell’Inflation Reduction Act (IRA) del Presidente Biden, nonostante le loro inclinazioni politiche.6

           

          Impatto previsto dell’Inflation Reduction Act (IRA) sugli Stati rossi e blu

          Attualmente, gli Stati guidati dal Partito Repubblicano sono i maggiori beneficiari della legge sul clima firmata dal Presidente Joe Biden, nonostante nessun repubblicano abbia votato a favore.

          Il Financial Times ha osservato nel settembre 2023 che circa l’80% degli investimenti identificati nel settore delle tecnologie pulite e dei semiconduttori sono stati annunciati nel primo anno dell’IRA in Stati rossi o con ampie circoscrizioni repubblicane, la maggior parte dei quali in South Carolina e Georgia, seguiti da Michigan e Ohio.7

          Secondo le stime della Casa Bianca, infatti, grazie all’IRA gli Stati rossi attireranno circa 337 miliardi di dollari di investimenti per grandi progetti solari, eolici e di stoccaggio fino alla fine di questo decennio. Nel frattempo, gli Stati guidati dai democratici attireranno circa 183 miliardi di dollari.

          Solar power, USA Inflation Reduction Act

          Ecco perché

          La sezione sul clima dell’IRA sostiene chiaramente e con forza gli Stati con un potenziale solare ed eolico comprovato e un’esperienza di successo nell’utilizzo. Nonostante la resistenza all’energia pulita in alcune regioni, questi Stati sono comunque all’avanguardia nello sviluppo del solare e dell’eolico.

          Abbiamo visto i repubblicani ammorbidire la loro opposizione al cambiamento climatico. Potremmo quindi assistere a un affievolimento del loro sostegno di default ai combustibili fossili e della loro opposizione prevalente alle energie rinnovabili come risultato dell’IRA.

          – Timothy Fox, analista della società di ricerca ClearView Energy Partners

          Secondo le stime della Casa Bianca, il Texas, primo produttore di energia eolica, dovrebbe attirare investimenti per 66,5 miliardi di dollari, superando tutti gli altri Stati.8 La Florida, pur essendo attualmente dietro a sei Stati nella produzione di energia rinnovabile, si colloca al secondo posto con una previsione di 62,7 miliardi di dollari. L’Iowa, noto per la sua capacità di produrre energia eolica, segue da vicino con una stima di 24,6 miliardi di dollari.9

          Tra gli Stati blu, New York è in testa con una previsione di 34 miliardi di dollari di investimenti in energia pulita, seguita dalla California con 21,2 miliardi di dollari, come riportato dalla Casa Bianca. L’Illinois si assicura la terza posizione.10

          Le regioni del Midwest e del sud degli Stati Uniti sono diventate importanti centri di produzione di tecnologie pulite, tanto da meritare il soprannome di “Battery Belt”.11 La Georgia, tradizionalmente uno Stato rosso con recenti successi democratici, sta emergendo come candidato principale, in quanto sia i leader repubblicani che quelli democratici promuovono attivamente l’energia solare, i veicoli elettrici e la produzione di batterie. I leader repubblicani e democratici sono desiderosi di allinearsi con le industrie in crescita, soprattutto in termini di creazione di posti di lavoro, un tempo sostenute principalmente dai progressisti e dai sostenitori del clima.

          Anche la situazione dell’Ohio è degna di nota. Nonostante il suo spostamento a destra nell’ultimo decennio, lo Stato è diventato una calamita per gli sviluppatori di energia solare, anche se ha implementato misure che rendono più difficile la creazione di progetti di energia rinnovabile. L’Ohio è attualmente uno dei mercati più vivaci per i nuovi impianti solari.

          Inoltre, il Texas si appresta a superare la California, pioniere dell’energia solare, come maggior produttore nazionale di energia solare da impianti di grandi dimensioni.

          Il punto centrale è che la difesa delle cause ambientali non è un prerequisito per riconoscere l’importanza e il valore degli investimenti energetici locali. Di conseguenza, il sostegno agli investimenti in energia locale è rimasto solido, anche all’interno dei circoli conservatori. Questo sostegno è motivato principalmente dalle opportunità economiche che generano, dal potenziale di crescita dei posti di lavoro e dalla capacità di questi investimenti di rinvigorire l’industria americana.

          L’andamento dei titoli ambientali durante l’era Trump 2016-2020

          Possiamo anche dare un’occhiata più da vicino a come, durante la presidenza Trump dal 2016 al 2020, si siano verificati notevoli cambiamenti nel panorama energetico, nonostante il suo scetticismo sul clima:

            1. La produzione di pannelli solari negli Stati Uniti ha registrato un’impennata del 110%.12
            2. La capacità eolica installata negli Stati Uniti è raddoppiata, passando dal 4,6% al 9%.13
            3. I costi di produzione delle batterie sono crollati dell’89%, catalizzando l’espansione delle tecnologie solari ed eoliche.14

          Questi risultati nel campo delle energie pulite non sono stati raggiunti a causa della presidenza Trump, ma piuttosto a dispetto di essa. Ciò sottolinea un punto cruciale: l’interazione dinamica tra forze di mercato e progressi tecnologici si è dimostrata troppo formidabile per ostacolare la marcia delle energie rinnovabili. Il mercato ha riconosciuto che la transizione energetica è inevitabile e che i combustibili fossili sono destinati all’obsolescenza.

          Global renewable capacity additions, 2015 - 2023

          Conclusione

          Alla luce della nostra analisi, riteniamo che il rischio associato all’esito delle elezioni statunitensi di novembre sia probabilmente minimo. Questa conclusione è sostenuta dal riconoscimento bipartisan dei vantaggi economici derivanti dagli investimenti nel solare, nell’eolico e nelle batterie, anche negli Stati a maggioranza repubblicana.

          Inoltre, notiamo che l’IRA trascende il suo ruolo di legge sulla “transizione energetica”, allineandosi con l’agenda “American First”, un fattore convincente per i repubblicani, suffragato da dati empirici.

          La nostra valutazione indica inoltre che gli investitori saranno principalmente motivati dalla ricerca di rendimenti da investimenti in fonti rinnovabili, indipendentemente dalla loro posizione geografica o dall’allineamento politico dello Stato in cui si trovano. Questo, a nostro avviso, sottolinea l’attrattiva duratura degli investimenti nelle energie rinnovabili per gli allocatori di capitale.

          Infine, è fondamentale notare che la “sicurezza energetica” ha avuto un’ampia risonanza in tutto lo spettro politico, a differenza del richiamo più ristretto della “sicurezza climatica”. Questa risonanza può essere attribuita all’impatto universale dell’aumento dei prezzi dell’energia sui singoli individui, al di là delle linee politiche, e questa tendenza si è accentuata negli ultimi due anni, quando gli eventi globali, come i conflitti, hanno messo in discussione la nostra percezione della sicurezza.

          References

          1

          Pew Science, “How Americans View Future Harms From Climate Change in Their Community and Around the U.S.”, October 2023. Available at: https://www.pewresearch.org/science/2023/10/25/how-americans-view-future-harms-from-climate-change-in-their-community-and-around-the-u-s/?utm_source=substack&utm_medium=email

          2

          Substack: Sustainability by numbers, “Republican states are going strong on solar and wind, but not for the climate”, January 2024. Available at : https://www.sustainabilitybynumbers.com/p/red-states-renewables?utm_source=profile&utm_medium=reader2

          3

          The Guardian, “Red states leading the US in solar and wind production, new report shows”, February 2023. Available at: https://www.theguardian.com/environment/2023/feb/26/red-states-lead-usa-renewable-energy-wind-solar-power

          4

          Substack: Sustainability by numbers, “Republican states are going strong on solar and wind, but not for the climate”, January 2024. Available at : https://www.sustainabilitybynumbers.com/p/red-states-renewables?utm_source=profile&utm_medium=reader2

          5

          Ars Technica, “In the US, wind power is getting bigger and better, report says”, August 2021. Available at: https://arstechnica.com/science/2021/08/in-the-us-wind-power-is-getting-bigger-and-better-report-says/

          6

          Bloomberg, “Red States to Reap the Biggest Rewards From Biden’s Climate Package”, April 2023. Available at: https://www.bloomberg.com/graphics/2023-red-states-will-reap-the-biggest-rewards-from-biden-s-climate-package/

          7

          Amanda Chu, Oliver Roeder and Alex Irwin-Hunt, “Inside the $220bn American Cleantech Project Boom,” Financial Times, August 2023, https://www.ft.com/content/3b19c51d-462b43fa-9e0e-3445640aabb5

          8

          Bloomberg, “Red States to Reap the Biggest Rewards From Biden’s Climate Package”, April 2023. Available at: https://www.bloomberg.com/graphics/2023-red-states-will-reap-the-biggest-rewards-from-biden-s-climate-package/

          9

          Ibid.

          10

          Ibid.

          11

          Ibid.

          12

          Ibid.

          13

          Ibid.

          14

          Ibid.

          Post correlati

          • 1
          • 2
          • 3

          Select Your Country

          United Kingdom
          Germany
          Italy
          Switzerland
          Austria
          Denmark
          Finland
          Ireland
          Luxembourg
          Netherlands
          Norway
          Spain
          Sweden

          Select Your Investor Type

          ======